L’Europa inclusiva si fa con i gesti, non con le circolari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

Cosa ci sarà andato a fare papa Francesco a Cipro? E cosa ci andrà a fare, in queste ore, in Grecia? Sono, in definitiva, solo piccole e irrilevanti periferie. Come l’Albania, dove Francesco si è recato, come la Bosnia, dove Francesco si è recato, come la Slovacchia, dove Francesco si è recato, come ha fatto con la Bulgaria, certamente periferia europea come la stessa Macedonia del nord. Sono tutte periferie dove i cattolici sono una minoranza, cioè una periferia, come tante altre minoranze qui da noi.

Quindi il papa è andato a riportare Cipro e nelle prossime ore anche Atene al centro dell’Europa intesa come messaggio inclusivo. L’Europa inclusiva però non si fa con una circolare per i funzionari, ma con la forza dei gesti. Il papa a Cipro ha scelto come prima tappa la piccola Chiesa maronita, per portare anche quell’1% di popolazione cipriota originaria di Siria e Libano al centro della realtà di Cipro e della Chiesa cattolica. Quanti cattolici sapevano che a Cipro esiste una realtà maronita? Poi, nella serata di venerdì, ha scelto di incontrare i profughi, i rifugiati, i fuggiaschi. E’ certamente un’altra minoranza, un’altra delle periferia esistenziali che fanno Cipro e l’Europa.

Queste scelte hanno costituito a mio avviso la forza del suo gesto, che non è un gesto di forza. In queste ore di gesti di forza ne abbiamo visti tanti. Da parte della Turchia e della sua aggressività in questo nostro spazio, da parte della Russia, della Bielorussia e della loro aggressività nel nostro spazio, ma anche della Polonia e della sua aggressività nel suo spazio che è spazio europeo. Anche l’Europa ha mostrato i suoi muscoli con le poche migliaia di migranti che costruiscono il dramma al confine tra uso bielorusso e respingimento polacco. Lo ha fatto ovviamente con loro, i profughi, più che verso chi li usa. Davanti a tutto questo il gesto di Francesco di accogliere in Vaticano 50 profughi che vivono a Cipro in Vaticano incarna la forza di un messaggio di testimonianza che sa unire diverse crisi in una crisi sola: la crisi di tutti i messaggi di forza davanti alla forza dei messaggi. Chi è che mette in pericolo l’Europa? Gli aspiranti rifugiati o chi li usa? E dunque cosa fa all’Europa la forza del respingimento di un manipolo di vittime di guerre infami?

Questo a Cipro dice che oggi mettono in crisi la sua speranza di ritrovare la sua unità non i turco-ciprioti, ma chi li sommerge di coloni anatolici. Quei contadini non hanno responsabilità, ma chi li usa sì. Dunque per ricostruire un’unità cipriota, come un’unità europea, non è l’esclusione, ma l’inclusione il vero messaggio dirompente. Inclusione a Cipro e di Cipro, inclusione in Grecia e della Grecia. Quell’inclusione che i greci ai tempi dell’austerity non hanno avvertito come tale. Ora per via della pandemia si cambia registro, ma un rifugiato ha raccontato al papa la sua Odissea davanti a un modulo che gli chiede di spiegare apponendo la crocetta giusta chi è, perché vuole entrare, cosa vuole. “Io sono tante cose”, ha detto. E mi sono ricordato di quel profugo che lungo la rotta balcanica nel 2015 disse in un’intervista “solo andando dove sono stato io capirete chi sono”. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.