Una festa per comprendere l’eternità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:02

La donna vestita di sole, con la luna sotto i piedi e sul capo una corona di dodici stelle, rappresenta la Chiesa che porta avanti Cristo nel mondo in mezzo a lotte difficili e dolorose. Il drago (Satana) è il simbolo del nemico distruttore che vuole eliminare la Chiesa, il popolo di Dio e la Madonna con il suo Figlio. La leva su cui poggia Satana, la sua azione per sgretolare la Chiesa, è la mancanza di fiducia gli uni negli altri, è l’ignorarsi vicendevolmente, il non apprezzare la creatività gli uni degli altri, e l’invidia vicendevole. Uniamoci a Maria alla quale Dio ha dato il compito di schiacciare il capo all’antico serpente, cioè a Satana. Maria ha il compito di tenerci sempre uniti a Gesù. Tenersi stretti a lei è il segreto della perseveranza.

Salmo 44 (45)

“Figlia di re fra le tue predilette;
alla tua destra sta la regina, in ori di Ofir.

Ascolta, figlia, guarda, porgi l’orecchio:
dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre.

Il re è invaghito della tua bellezza”.

Magnificare significa tirare fuori tutte le cose grandi che sono dentro di noi. Gioisci per quello che fa il Signore: la gioia e l’esultanza sono sempre espressione di relazione e di vita; tu esulti col tuo cuore quando hai un incontro, ed è la presenza dell’altro che ti fa esultare. Questa esultanza avviene perché il Dio Salvatore si manifesta e allora si va di meraviglia in meraviglia, di stupore in stupore. Dalla gratitudine Maria passa alla contemplazione, a una fusione con il Signore, unica relazione della sua vita. Maria è la madre dei credenti e come madre attira i non credenti. Maria, nostra Madre Universale, è il dono più bello che il Signore fa alla Chiesa. Prova oggi a vivere tutto il giorno con Maria, la nostra mamma, meditando tutte le parole del Vangelo su di lei, recitando il Magnificat, dicendo il Rosario.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.