Usa: polizia spara e uccide un afroamericano 23enne in California

Un video shock mostra un agente sparare a Robert Adam mentre il ragazzo scappava dalla polizia. Il giovane era armato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:16

La polizia di San Bernardino, in California, ha ucciso un afroamericano di 23 anni che scappava. Il ragazzo si chiamava Robert Adams.

La dinamica dell’uccisione

Un video shock mostra un agente aprire il fuoco pochi secondi dopo essere sceso dall’auto civetta su cui si trovava. Lo riportano i media americani. Secondo la polizia i due agenti facevano parte di un’unità specializzata che indagava su un locale dedito al gioco d’azzardo illegale.

L’afroamericano stava parlando con qualcuno prima di dirigersi verso l’auto della polizia non identificata quando ha visto i due agenti scendere dalla vettura ed è scappato. Una fuga durata poco: uno degli agenti ha sparato e Robert Adams è caduto a terra; trasportato in un ospedale, è morto poco dopo per le ferite riportate.

La famiglia del ragazzo ucciso ammette che Adams lavorava nel locale di gioco d’azzardo illegale, ma accusa gli agenti di non essersi identificati. Sua madre, Tamika Deavila King, ha risposto alla CBS Los Angeles mettendo in dubbio la decisione dell’ufficiale di sparare con la pistola.

“Potrei capire se fosse una minaccia per loro”, ha detto King alla CBS, riferendosi alle azioni di suo figlio nei momenti precedenti la sparatoria. “Ma non era una minaccia per loro. Stava correndo per salvarsi la vita”.

Entrambi gli agenti appartenevano all’unità investigativa specializzata del dipartimento e erano stati schierati sul luogo della sparatoria dopo aver ricevuto informazioni dal distretto di polizia secondo cui “un maschio nero armato di pistola si trovava nel parcheggio di un’attività illegale di gioco d’azzardo online”.

La polizia riferisce che i due poliziotti erano in uniforme e quindi facilmente riconoscibili e hanno cercato di impartire ordini al ragazzo prima che iniziasse a scappare. Secondo la polizia, inoltre, Adams era armato. L’uccisione è destinata a scatenare l’ennesima polemica sulla polizia americana.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.