Baby gang vandalizza una scuola di Novara: crocifissi distrutti e scritte sataniche

I baby vandali, alcuni dei quali minori di 14 anni, hanno distrutto alcuni crocifissi e danneggiando i muri di diverse aule con scritte sataniche e blasfeme

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:37

Un gruppo di minorenni è stato identificato e denunciato dalla polizia dopo un raid vandalico in una scuola media di Novara durante la chiusura per il ponte del 25 aprile. Lo riporta TgCom24. I baby vandali, alcuni dei quali minori di 14 anni, hanno distrutto alcuni crocifissi e danneggiando i muri di diverse aule con scritte sataniche e blasfeme, per poi postare sui social network i video delle scorribande.

Crocifissi distrutti e scritte sataniche

Sono almeno tre i momenti in cui i baby vandali si sono introdotti nella scuola. Si tratta di studenti ma anche di ex frequentatori dell’istituto e giovanissimi che con quella scuola non hanno mai avuto a che fare. I danneggiamenti hanno avuto una vera e propria escalation, fino al pomeriggio di domenica 24 aprile, quando secondo le indagini della Squadra Mobile della Questura di Novara, i ragazzini si sono resi responsabili dei reati di furto, danneggiamento e offesa a una confessione religiosa mediante vilipendio.

Denuncia e risarcimento per tutti

Ingenti i danni causati alla scuola che, sempre secondo la polizia, ammonta a varie migliaia di euro. Per accertare le responsabilità di quanto accaduto, alcuni minorenni sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Torino. Per alcuni di essi, minori di 14 anni, non imputabili, i genitori possono essere comunque obbligati a risarcire il danno causato.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.