Cagliari, uccise la moglie con 58 coltellate e tentò il suicidio: condannato

E' stato condannato a 21 anni di reclusione Giovanni Murtas, il falegname di Serramanna che uccise la moglie, Marisa Pireddu, il 5 maggio 2020

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:16

E’ stato condannato a 21 anni di reclusione Giovanni Murtas, il falegname 59enne di Serramanna riconosciuto colpevole di aver ucciso la moglie, Marisa Pireddu, 51 anni, con 58 coltellate. Il femminicidio era avvenuto il 5 maggio 2020 verso le 18.30 nella loro casa nel Sud Sardegna, al numero 42 di via Turati.

Dopo l’aggressione, l’uomo aveva cercato di togliersi la vita con lo stesso coltello, pugnalandosi al petto, ma era stato soccorso e salvato dai carabinieri e dagli uomini del 118. Piantonato in ospedale fino alla guarigione, era poi stato arrestato per omicidio e tratto in carcere.

La dinamica dell’omicidio

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, quel 5 maggio di due anni fa i coniugi ebbero una discussione in casa. In camera da letto lui afferrò un coltello e si scagliò contro la moglie colpendola ripetutamente in diverse parti del corpo. Almeno una cinquantina i fendenti che colpirono la donna, non lasciandole scampo.

Poi l’uxoricida tentò di uccidersi, colpendosi con un profondo fendente al torace. A far scattare l’allarme furono i vicini di casa che sentendo le urla avvisarono il 118 e i carabinieri. La coppia ha un figlio, di 29 anni, che al momento del delitto non era in casa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.