Bimbo lanciato dalla finestra a Soliera: confessa la babysitter

La donna è accusata di tentato omicidio. Il bambino rimane ricoverato all'ospedale Maggiore di Bologna in prognosi riservata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:57
Carabinieri omicidio Varese

Monica Santi, la babysitter di 32 anni arrestata martedì a Soliera (Modena), ha ammesso le proprie responsabilità e ha confessato di essere stata lei a gettare dalla finestra il piccolo che accudiva.

“Ho preso il bambino e l’ho lanciato dalla finestra. Non so perché l’ho fatto – ha aggiunto la donna durante l’udienza di convalida del suo arresto – ho avuto un malore, una sorta di catalessi”. Per lei sarà disposta una perizia psichiatrica.

La dinamica

Per quanto ancora preliminare, una ricostruzione della dinamica dei fatti esiste ed è indicativamente in questi termini, scrive TgCom24: Monica Santi era la sola persona al secondo piano insieme al bambino, in quel momento. La donna delle pulizie, difatti, si trovava al piano di sotto, impegnata nelle sue faccende. I genitori del piccolo, che ha tredici mesi, si trovavano al lavoro. Sarebbe stata lei, babysitter di 32 anni originaria di Carpi, ad afferrare il bimbo e a farlo cadere dalla finestra, restando poi immobile e pronunciando una frase: “Ora è libero”.

Il malessere

Chi dice di averla vista, martedì mattina subito dopo la scoperta, da parte di una vicina, del bimbo a terra, racconta di una persona completamente assente, che oltre a quella frase sconnessa non ha messo in evidenza altre reazioni. La sua legale, Francesca Neri, ha ribadito come la sua assistita, quel giorno, soffrisse di un forte malessere interiore, che le dava una sensazione quasi di soffocamento e che non le dava pace.

“Ha spiegato che soffriva da un po’ di tempo per questo malessere, pativa una mancanza di affetto esterno. Ha ricondotto la sua condizione a un forte stress, dovuto a un’insoddisfazione lavorativa. Prima di prendere servizio come babysitter, è stata segretaria amministrativa e non è riuscita in questo frangente”, avrebbe detto la legale riportata da TgCom24.

La donna, ora nel carcere a Modena, è accusata di tentato omicidio. Il bambino invece rimane ricoverato all’ospedale Maggiore di Bologna in prognosi riservata.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.