Napoli, addio al campo Paradiso di Maradona: ora è nel degrado

Il centro Paradiso, lo storico campo di calcio di Diego Armando Maradona, a Soccavo (Napoli) è ufficialmente in vendita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:29

Il centro Paradiso, lo storico campo di calcio di Diego Armando Maradona, a Soccavo (Napoli) è ufficialmente in vendita. Inaugurato nel 1975, all’epoca di Totonno Iuliano capitano, negli anni d’oro di Maradona e degli scudetti divenne simbolo del calcio vincente a Napoli.

Poi, dopo il fallimento della storica società, è stato abbandonato ed è andato incontro negli anni a un inarrestabile degrado: prima depredato e poi vandalizzato, ora – come si legge su Ansa – la proprietà ha avviato le procedure di dismissione.

La vendita e il possibile riutilizzo

Secondo Il Mattino, di trattative ufficiali non ce ne sono ancora, anche se si parla di una cordata di imprenditori pronti a recuperarlo per farne un “centro di eventi”, oppure un centro medico-sanitario. C’è poi un’associazione di giovani di Soccavo, che si chiama appunto “centro Paradiso”, che sogna di rilevare il centro con un azionariato popolare, per poi rimetterlo in sesto e farlo utilizzare ai ragazzi del quartiere.

L’ex centro sportivo alla morte di Maradona era diventato una specie di “tempio laico” in memoria del grande campione. Ma poi ha subito assalti di ladri e vandali ed è ora in uno stato fatiscente.

L’assessore comunale Edoardo Cosenza, che parla al Mattino non tanto come amministratore ma da tifoso appassionato del Napoli, si dice “felice” della possibilità della vendita della struttura “perché significa che potrà finalmente rinascere”. Ma, a suo avviso, “non esiste altro percorso se non quello della creazione di un centro sportivo, magari con la possibilità di ospitare eventi, ma con lo sport al cuore dell’iniziativa imprenditoriale. Anche perché riportare in vita la ‘casa’ del Napoli di Maradona, secondo me, può rappresentare un momento di crescita per tutto il quartiere”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.