VENERDÌ 03 GENNAIO 2020, 12:01, IN TERRIS

EQUILIBRI PRECARI

Qasem Soleimani, l'uomo chiave del Medio Oriente

Chi era il generale ucciso dal raid americano: dall'alleanza con Hezbollah alla lotta all'Isis

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Qasem Soleimani
Qasem Soleimani
R

ischia di far letteralmente saltare il banco la morte di Qasem Soleimani, ufficiale di spicco delle forze armate iraniane ma, più nel concreto, uomo chiave degli equilibri mediorientali, filo diretto con gli sciiti libanesi di Hezbollah ma anche artefice del sostegno iraniano al regime di Assad contro la rivolta scoppiata nel 2011. Sottili ma decisive trame, che il raid americano a Baghdad rischia di spezzare tutte in una volta. O, perlomeno, questo è quello che temono i principali osservatori della polveriera mediorientale, scacchiere che da tempo non appariva così sul punto di esplodere in una partita che, in qualche modo, andrà a coinvolgere quasi tutti i pezzi da novanta e, probabilmente, tutti i focolai di instabilità in gioco (Libia compresa). Israele, nella persona del premier Netanyahu, impone il silenzio ai ministri, mentre Teheran marchia a fuoco l'attacco (pare) a firma del presidente Trump in persona parlando di "atto terroristico" e minacciando ripercussioni nei confronti degli Stati Uniti, invitati a costruire delle bare per i soldati ancora di stanza in quella zona. Segno evidente, decisamente più che in altre occasioni, che l'equilibrio già precario sta per infrangersi, a dispetto di ogni scontro precedentemente etichettato come miccia pronta a esplodere, dalla bagarre sul nucleare agli incidenti dello Stretto di Hormuz. Non a caso Washington ha già ordinato ai cittadini americani in Iraq di lasciare il Paese, per via aerea o via terra.


La carriera

Dal 1998 Soleimani guidava le milizie al-Quds, le unità speciali delle Guardie rivoluzionarie iraniane. Praticamente una vita, considerando che il suo incarico è precedente agli attentati dell'11 settembre 2001, considerati lo spartiacque della nuova era e l'inizio della nuova stagione di fuoco in Medio Oriente. I drammatici avvenimenti di New York, in qualche modo, influirono anche nei rapporti fra Washington e Teheran, inserita nella lista nera americana e rivisto in modo sostanziale l'opinione fin lì maturata nei riguardi di Soleimani, già allora considerato uomo potente e competente, in possesso di quell'abilità necessaria nel tessere la rete di alleanze del governo iraniano con i vari attori in azione tra il Mar Rosso, il Mediterraneo orientale e il Golfo Persico. Azzerati i rapporti con Washington, sono stati decisamente maggiori quelli con la Russia e, soprattutto, con Hezbollah (che infatti giura vendetta, con Sayed Nasrallah a promettere che "infliggere la giusta punizione a questi criminali assassini sarà responsabilità e compito di tutti i combattenti della resistenza nel mondo"), guidando inoltre le forze armate congiunte di Iran e Iraq nella lotta all'avanzata del sedicente Stato islamico, contro il quale combatteranno (anche al fianco degli americani) i gruppi sciiti da lui creati e decisivi nella caduta di Mosul, ultima roccaforte del califfato in Medio Oriente.


Equilibri e riorganizzazione

Da Washington assicurano che "il generale Soleimani stava mettendo a punto attacchi contro diplomatici americani e personale in servizio in Iraq e nell'area". Il punto, però, è che la sua uccisione nell'ambito del raid in territorio iracheno ha destato decisamente più preoccupazione che approvazione anche negli Stati Uniti, con la politica d'opposizione concorde nel definire la morte del generale un motivo di escalation e di rischio piuttosto che un successo militare. Anche perché con Soleimani non cade solo il perno del braccio armato di Teheran ma anche un uomo che in Iran ha raccolto consensi da star, tali da invocare per lui, più volte, l'ingresso nella scena politica. Dove, visto il sostegno accumulato (peraltro salito vertiginosamente dopo i successi contro l'Isis), avrebbe forse potuto avere successo. Ipotesi mai verificata, visto il costante rifiuto a spostare l'orientamento del suo operato dall'ambito militare alle sedi istituzionali. Teheran ha già nominato il suo successore alla guida dei Pasdaran, Esmail Qaani: segno, probabilmente, che al netto del duro colpo inferto la via della riorganizzazione non sarà così lunga.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Intesa Sanpaolo
BANCHE

Intesa Sanpaolo, offerta a sorpresa per Ubi

Lanciata un'opa non concordata al quarto polo bancario d'Italia: premio del 27,6% per i soci
Il Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella
ITALIA

Ecco chi sono gli eroi premiati da Mattarella

Trentadue volti di un'Italia perbene. Il capo dello Stato: "Non è buonismo"
Eleonora Daniele durante la cerimonia di premiazione
L'ONORIFICENZA

Eleonora Daniele: "I 32 eroi premiati da Mattarella, storie che fanno parte di noi"

La conduttrice di "Storie italiane" ha presentato la cerimonia in Quirinale: "Una grande emozione di fronte agli...
IL CASO

Esplode airbag, neonato muore. Avrebbe compiuto due mesi oggi

La tragedia a Pisa. In corso le indagini per ricostruire la dinamica dell'incidente
Ambulanza
PORTO SANT'ELPIDIO

Muore giovane 30enne, accoltellato alle spalle

Il ragazzo, M.R. di origini rumene, è stato identificato
Fedeli asiatici in preghiera con le mascherine - Foto © Vatican News
CHIESA NEL MONDO

Come il coronavirus influenza i cattolici asiatici

Tante le misure messe in campo dalle Conferenze episcopali locali. A Hong Kong la Messa è online
METEO

Tempesta Dennis, è ancora emergenza in Gb

Il bilancio paral di tre vittime e un disperso
BOLOGNA

Accoltella e uccide la madre dopo una lite: arrestato

La donna 86enne è morta nella notte in ospedale
ANIMALI

Oggi è la giornata nazionale dei gatti: ecco quanti sono in Italia

Nel Belpaese 7,5 milioni di mici nelle case degli italiani
Il momento di una delle operazioni nel Mar Mediterraneo - Foto © Yara Nardi per Croce Rossa Italiana
BRUXELLES

Libia, l'Europa verso una soluzione concorde

Se Austria e Ungheria si oppongono a Sophia, altri Paesi, Italia inclusa, sono ottimisti
Bambino che si reca a scuola
ALESSANDRIA

Maestra allontanata per maltrattamenti su un bimbo disabile

Il piccolo ha 8 anni. La donna è stata interdetta per sei mesi dall'insegnamento
La nave Diamond Princess in Giappone
CORONAVIRUS

Forse un italiano infetto sulla Diamond Princess

Niccolò: "Ho avuto un po’ di paura, ma panico mai". Prima vittima a Taiwan
Il bus precipitato nel burrone
EL SALVADOR

San Salvador, bus in burrone: 11 morti e 25 feriti

L'incidente è avvenuto domenica sera vicino al villaggio di Chiltiupan
Il presidente iraniano, Hassan Rohani
MEDIO ORIENTE

Iran: "Non negozieremo con gli Usa sotto pressione"

Il mese scorso Teheran ha annunciato che sospendera tutti gli obblighi dell'accordo sul nucleare
La limousine di Trump sul circuito di Daytona
STATI UNITI

Trump fa il giro della pista di Daytona

Dazi, Coldiretti: "Dimezzate le esportazioni di Reggiano e Grana"
INCLUSIONE SOCIALE

Nella disabilità, l'inclusione passa anche dalle leggi

In base ai dati pubblicati dal Casellario dei beneficiari di pensione di INPS e dalla apposita sezione di ISTAT...