DOMENICA 21 GIUGNO 2015, 001:21, IN TERRIS

ONLINE LE RIVELAZIONI DI WIKILEAKS CHE IMBARAZZANO L'ARABIA SAUDITA

Pubblicata la prima tranche di 500mila file che svelerebbero gli interessi di Riad in Iran ed Egitto

LUCA LA MANTIA
ONLINE LE RIVELAZIONI DI WIKILEAKS CHE IMBARAZZANO L'ARABIA SAUDITA
ONLINE LE RIVELAZIONI DI WIKILEAKS CHE IMBARAZZANO L'ARABIA SAUDITA
Wikileaks svela i segreti della diplomazia saudita e le presunte influenze di Riad nella rivolta interna iraniana e nella politica egiziana. Il portale di Julian Assange ha, infatti, pubblicato la prima tranche di 500mila file sottratti al ministero degli Esteri arabo che mettono in imbarazzo il regno di Salman. Il governo ha subito diffuso un comunicato, invitando i sudditi a "non visitare alcun sito che pubblichi documenti che sono falsi e minacciano la nazione".

Tra i documenti messi online c'è anche la richiesta del figlio di Osama bin Laden - cittadino saudita -, Abdullah, per ottenere il certificato di morte del padre. Il console dell'ambasciata Usa a Riad risponde picche: il Dipartimento di Stato non ha emesso alcun documento in questo senso. C'è però "un altro meccanismo per certificare la morte", scrive il console: "Un tribunale federale ha effettivamente chiuso l'incriminazione sollevata contro di lui dal Dipartimento della Giustizia Usa, alla luce della sua morte".

I file Wikileaks sono stati pubblicati il 19 giugno, terzo anniversario "dell'autoesilio" di Julian Assange nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra. Confermano che gli occhi di Riad sarebbero puntati su Teheran. Un memo dell'ambasciata saudita nella capitale iraniana suggerisce di utilizzare Facebook, Twitter e altri social network per dare maggiore risalto alla "frustrazione del popolo e il suo desiderio di cambiare regime". E ancora di "ospitare all'estero figure dell'opposizione, coordinarsi con loro per pubblicare foto delle torture". In un altro memo si accusano gli Emirati Arabi di "aiutare Iran e Russia ad aggirare le sanzioni internazionali". Non meno "piccanti" i memorandum sull'Egitto. In uno si parla di un presunto "riscatto" di 10 miliardi di dollari per la libertà di Hosni Mubarak. La richiesta ai Paesi del Golfo - antichi sodali di Mubarak - sarebbe arrivata da un anonimo funzionario egiziano, in un periodo imprecisato del 2012. "I Fratelli musulmani (appena saliti al potere, ndr) accetterebbero".

Ma una nota scritta a mano affermerebbe: "non è una buona idea, anche se pagassimo i Fratelli musulmani potrebbero fare poco. Sembra che non ci sia alternativa per il presidente se non andare in carcere". In un altro documento, sempre riferito all'Egitto, si svelerebbero pressioni sul tycoon Naguib Sawiris per impedire che la sua Ontv - una delle principali emittenti egiziane - dia ancora voce a Saad al-Faqih, un oppositore del governo saudita. Secondo il memo, Sawiris avrebbe "strigliato personalmente" il direttore della tv. Si tratterebbe, spiega Wikileaks, "di un approccio sistematico" nei confronti dei media, per impedire che vengano diffusi resoconti scomodi per Riad, o dare spazio agli attivisti della Primavera araba, dalla Tunisia all'Egitto, anche acquistando quote dei quotidiani arabi.

C'è poi il caso imbarazzante del conto non saldato da una principessa, la moglie del principe Abdul-Rahman bin Abdulaziz Al Saud: 1,5 milioni di franchi svizzeri (oltre 1,4 milioni di euro) non pagati per l'affitto di una limousine. Ne segue una lunga disputa. Alla fine il pagamento arriva. Il titolare della ditta di noleggio, Louis Roulet, conferma la vicenda e aggiunge: "Non lavoriamo piu' con loro, per ovvie ragioni".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
La bandiera del Puerto Rico
I LEADER RELIGIOSI DEL PUERTO RICO

"Stop all'aumento delle tasse o la ripresa sarà impossibile"

Cattolici ed evangelici in una lettera al Congresso Usa: "Non siamo cittadini di serie b"
Catalani al voto (repertorio)
CATALOGNA

Sondaggi incerti: sul voto peserà il dato dell'affluenza

Si recherà alle urne l'82% dei cittadini e questo potrebbe spostare gli equilibri
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...