MERCOLEDÌ 10 GENNAIO 2018, 11:54, IN TERRIS

PENA DI MORTE

Nuova Delhi:
"Nulla meglio dell'impiccagione"

Il governo ha così risposto alla Corte Suprema che chiedeva esecuzioni più dignitose

EDITH DRISCOLL
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Impiccagione
Impiccagione
P

er il governo indiano l'impiccagione resta il miglior metodo per l'esecuzione di una condanna a morte. Lo riporta il quotidiano The Hindu riferendo la risposta data da un magistrato della Procura indiana alla Corte Suprema che sollecitava a fare il possibile per assicurare una morte degna ai condannati.


La Corte

Al riguardo l'Additional Solicitor General, Pinky Anand, ha sostenuto che le iniezioni letali non sono un sistema praticabile e spesso falliscono. La Corte ha indicato che non intende rimettere in questione la pena di morte, ma ha chiesto al governo di valutare il "progresso dinamico" realizzato dalla scienza moderna al fine di adottare metodi meno dolorosi per provocare la morte. Dopo aver chiesto ed ottenuto più tempo per studiare il tema, Anand ha comunque ribadito che "oggi non esiste altro metodo praticabile che possa sostituire l'impiccagione".


Esecuzioni in calo

L'esecuzione di condanne a morte è divenuto un evento raro in India negli ultimi anni, dove quasi tutte le pene capitali sono commutate in ergastolo. Dal 1991, comunque, 26 persone sono state impiccate, l'ultima delle quali, Yakub Memon, nel 2015. L'impiccagione come metodo di esecuzione della condanna a morte è utilizzato in 58 Paesi, fra cui India, Bangladesh, Iran, Iraq, Giappone, Malaysia, Pakistan, Corea del Sud e Sri Lanka.


Hindi all'Onu 

Nelle ultime ore il governo conservatore guidato da Modi ha presentato un'altra proposta destinata a far discutere: l'ingresso dell'hindi fra le lingue ufficiali dell'Onu. La questione è studiata dai governi indiani dal 2003, ma con la gestione di Modi, riporta The Hindu, "essa ha ricevuto un nuovo slancio" e la ricerca di solidarietà di altri Paesi, come Mauritius e Figi, dove pure questa lingua è diffusa. Intervenendo giorni fa in Parlamento, il ministro degli Esteri, Sushma Swaraj, ha ricordato che per l'adozione dell'hindi come lingua ufficiale all'Onu c'è bisogno dei 2/3 dei voti dell'Assemblea generale. "Questo in sé non sarebbe un problema - ha sottolineato - ma la difficoltà risiede nel fatto che i costi di una nuova lingua debbono essere pagati dai Paesi membri e questo potrebbe scoraggiare molti governi dal votare a favore". L'idea, che gode dell'appoggio del governo di centro-destra indiano, ha suscitato però anche critiche. Shashi Tharoor, presidente della Commissione parlamentare per gli Affari Esteri, si è chiesto "quali svantaggi abbia avuto fino ad oggi l'India nel non avere l'hindi come lingua ufficiale". "A me sembra - ha concluso - che la mossa serva ad ottenere risultati politici (per affermare il concetto di induizzazione dell'India), piuttosto che diplomatici. Se un giorno qualcuno del Tamil Nadu o del West Bengala, dove esistono altre lingue, diventa primo ministro, perché dovremmo imporgli di parlare in hindi?".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Le Sardine a Bologna
VERSO LE REGIONALI

Sardine a Bologna: "Siamo 40 mila"

Raduno a una settimana dalle elezioni in Emilia-Romagna. Santori: "Risvegliato il senso civico"

"Fare i fessi" per il Vangelo

Nel Vangelo di questa domenica abbiamo Giovanni che indica l'Agnello di Dio che prende sopra di sé i peccati...
La Skoda coinvolta nell'incidente
MILANO-VENEZIA

In bici sull'A4: muore sul colpo travolto da un'auto

Non è stato ricostruito il motivo per cui la vittima fosse in bicicletta in autostrada
Khalifa Haftar e Fayez al-Sarraj
LIBIA

Haftar chiude i terminal di petrolio

Onu: conseguenze devastanti. Sarraj potrebbe disertare la Conferenza di Berlino
I soccorsi a Rigopiano
COMMEMORAZIONE

"Aspettiamo ancora giustizia"

Nel terzo anniversario della tragedia di Rigopiano i familiari delle 29 vittime aspettano di conoscere la verità
Canto liturgico
DIOCESI ALIFE-CAIAZZO

Al via gli appuntamenti "Musica e canto nella Liturgia"

Prevedono sia teoria che pratica spaziando dall'animazione liturgica ai laboratori vocali e strumentali
Agenti di polizia
PUGLIA

Lamorgese: "Da lunedì 20 nuovi poliziotti a Foggia"

Specializzati nella tutela delle persone sottoposte a protezione personale
Il luogo della sparatoria
UTAH | USA

Sparatoria in una casa a Salt Lake City: 4 morti

C'è anche un ferito, sono tutti membri della stessa famiglia
Unicef in Libia
SOLIDARIETÀ

Libia: decine di migliaia di bambini tra violenze e caos

Lo denuncia Unicef: "Danneggiate circa 30 strutture sanitarie; 200.000 bimbi senza scuola"
Emmanuel Macron
FRANCIA

Parigi, dura contestazione contro Macron

Una trentina di manifestanti tentano un blitz al Theatre Bouffes du Nord: nel mirino la riforma delle pensioni
Laboratorio

La madre di tutte le battaglie

Purtroppo, ormai da molto tempo, gli attacchi ai valori antropologici che costituiscono il fondamento di una...
Memoriale per Daphne Caruana Galizia
MALTA

Caso Caruana Galizia: il capo della polizia si dimette

L'annuncio è stato fatto dal nuovo premier maltese Abela: presto riforma su procedura di nomina. Il commento del...
ARTE

Ritratto di signora di Klimt è autentico

La conferma dell'autenticità del quadro arriva dai periti a poche settimane dal ritrovamento nello stesso luogo dove...
Deborah Dugan
MUSICA

Caos Grammy: silurata la prima presidente donna

A pochi mesi dalla sua nomina, Deborah Dugan è stata rimossa dal suo incarico e c'è chi parla di un vero e...