VENERDÌ 08 FEBBRAIO 2019, 03:57, IN TERRIS


USA

Jeff Bezos accusa: "Io ricattato"

Il Ceo di Amazon punta il dito contro un tabloid vicino a Trump che avrebbe avuto in mano suo foto intime: "Non ho ceduto"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Jeff Bezos
Jeff Bezos
B

ezos contro Trump, forse il capitolo più duro dello scontro. Il fondatore e Ceo di Amazon, infatti, ha rivelato (in tono accusatorio) di aver subito un ricatto e, addirittura, "un tentativo di estorsione" da parte di un tabloid vicino al presidente degli Stati Uniti. Del quale fa anche il nome: si tratta del National Enquirer, testata scandalistica sotto il controllo dell'American media inc. (Ami) di David Pecker. Bezos, che è anche editore del Washington post, ha rivelato il tutto in un lungo post apparso sui suoi profili social, con tanto di pubblicazione dei contenuti delle mail incriminate, nelle quali si leggono minacce circa la diffusione di fotografie del Ceo assieme alla sua fidanzata, la ex giornalista Lauren Sanchez. Foto molto intime e personali pare.


Il ricatto

Il motivo di tali ricatti è spiegato in una di queste mail: dare un taglio alle indagini avviate dallo stesso Bezos sulla presunta inchiesta scandalistica a suo carico svolta dal Ne e dichiarare pubblicamente di non avere in mano elementi per dichiarare che lo scoop del tabloid fosse dettato da motivazioni politiche. Un giro piuttosto complicato che, però, Bezos sembra essere riuscito a rigirare a proprio vantaggio, pubblicando per primo le mail "scottanti" che avrebbero fatto da impalcatura al ricatto. Al Ceo di Amazon si chiedeva di "usare il buon senso" ma la realtà dei fatti è che lui, invece, ha rivelato tutto: "La mia proprietà del Washington Post è una cosa molto complicata. E' inevitabile che certe persone potenti che sono oggetto della copertura del giornale pensino che io sono un loro nemico. E il presidente Trump è una di queste persone, come appare ovvio dai suoi tanti tweet".


I rapporti con i sauditi

Nelle sue accuse, Bezos mette nel mirino i rapporti fra Trump e Pecker anche su un piano delle relazioni politiche visto che, secondo quanto scritto nel post, "dopo che Trump divenne presidente, ricompensò la lealtà di Mr. Pecker con una cena alla Casa Bianca alla quale l'esecutivo dei media portò un ospite con importanti legami con i reali in Arabia Saudita". Bezos prosegue affermando che "all'epoca, il signor Pecker si occupava di affari e cercava finanziamenti per le acquisizioni". Frasi sibilline che hanno la peculiarità di aver allargato, probabilmente in modo insanabile, il terreno dello scontro (ormai aperto) con Donald Trump.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Biglia di Marco Pantani

Marco Pantani il campione

D  opo quindici anni di oblio, ecco che ritorna alle cronache una delle storie più cupe dello sport...
Basket
BASKET

Denuncia di una mamma: "Razzismo verso mio figlio"

Il 13enne sarebbe stato insultato dai genitori di una squadra avversaria a Milano
Pasta con le alici
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pasta con le alici alla palermitana: estate batti un colpo

Sarà una ricetta siciliana a proiettarci, finalmente, verso la bella stagione?
Migranti in Italia

Scontro Onu-Viminale sui migranti

L'Organizzazione contro il Dl sicurezza: "Viola i diritti umani" Secca replica del Ministero dell'Interno
Fake news

Se ad alimentare la democrazia sono le fake

Un'indagine del quotidiano il Sole 24 ore, affronta il tema mai indagato dai media, del numero fasullo dei seguaci...
L'ultima cena (Andrea del Castagno)

Il punto di contatto fra umano e divino

Cosa ci dice Gesù nel Vangelo della quinta domenica di Pasqua