DOMENICA 10 NOVEMBRE 2019, 23:44, IN TERRIS

SUD AMERICA

Caos in Bolivia, Morales si dimette

Il presidente denuncia azioni di "gruppi violenti e irregolari" ma cede alla pressione dell'esercito

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Evo Morales
Evo Morales
L

a chiude così, Evo Morales, la sua esperienza alla guida della Bolivia, annunciando le dimissioni dopo che, contro di lui e la sua terza rielezione (per il quarto mandato), era sceso in campo anche l'esercito. A pesare sulla decisione, anche l'ufficialità dei brogli, arrivata con il riconoscimento dell'Organizzazione degli Stati americani (Oea): finisce quindi, come chiedevano le opposizioni, l'epopea del presidente indio, al potere da 13 anni. Nessun negoziato con Mesa e gli altri oppositori, nessun margine di dialogo: l'ormai ex presidente ha già lasciato La Paz, con la Plaza Murillo (dove si trova il palazzo presidenziale) già sgomberata da diverse ore dai presidi delle Forze dell'ordine. Morales si ritirerà per il momento nel Cochabamba, per poi dirigersi probabilmente in Argentina.


La giornata

Un "golpe fascista" che "esegue atti violenti con gruppi irregolari che hanno incendiato la casa dei governatori di Chuquisaca ed Oruro e quella di mia sorella in quest'ultima città". Le ha definite così, il presidente Evo Morales, le ultime intemperanze del popolo boliviano contro la sua rielezione, ritenuta illegittima sia nella candidatura (inizialmente non prevista, poi autorizzata con una sentenza che annullò il risultato di un referendum in proposito) che nei risultati, considerati frutto di brogli. La denuncia dell'ex leader boliviano era arrivata la notte scorsa, a distanza di due giorni dall'annuncio della polizia di Cochabamba e di altre città del Paese (Chuquisaca, Tarija, Santa Cruz, Potosí e Oruro) con cui le Forze dell'ordine dichiaravano il proprio ammutinamento nei confronti dello Stato rappresentato dal presidente, ritenuto anche da esse non legittimo.


La crisi boliviana

L'altolà all'autorità di Morales è arrivato in particolare dai presidi delle città di Sucre e Santa Cruz, con quest'ultima enclave dell'opposizione guidata da Carlos Mesa, che non ha riconosciuto i risultati delle elezioni, con riferimento ai numeri apparsi dai sistemi di conteggio, scomparsi quando sembravano indirizzati al ballottaggio e riapparsi fortemente sbilanciati verso il presidente uscente, che ha centrato così la terza rielezione e il quarto mandato presidenziale. Secondo Morales, inoltre, alcuni "gruppi organizzati" avrebbero preso il controllo dei media statali boliviani, tra cui Bolivia Tv (Btv) e Red Patria Nueva (Rpn), a seguito di presunti gesti di intimdazione contro i giornalisti. Un presunto modus operandi che il presidente ha definito "codardo e selvaggio, nello stile delle dittature militari". Nel frattempo, però, a conferma del clima di tensione che accomuna i vari strati sociali del Paese, anche gli ufficiali dell'Utop (la polizia locale) di La Paz hanno abbandonato i presidi di Plaza Murillo, dove si trova il palazzo presidenziale. Non sembrava comunque previsto un intervento dell'esercito, come confermato anche dal ministro della Difesa, Javier Zavaleta.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?

La polveriera dell'America Latina

Dall'Argentina all'Ecuador, monta l'onda di proteste contro i governi neoliberisti

Èstato quasi unico il fermento politico che, negli ultimi tempi, ha improvvisamente percorso l'America Latina da nord a sud, come il...
NEWS
Mario Sossi durante il rapimento
MAGISTRATURA

E' morto il giudice Mario Sossi: fu rapito dalle Br

Pubblico ministero nel processo alla XXII Ottobre: il suo sequestro durò oltre un mese
Il vertice di maggioranza
GOVERNO

Manovra, braccio di ferro sulle microtasse

Frizione Italia Viva-Pd, sospeso il vertice. Bellanova: "Con plastic e sugar tax si rischia il disastro occupazionale"
Pedoni solitari
53° RAPPORTO CENSIS

Italiani sempre più ansiosi e dipendenti da smartphone

Lo scenario politico odierno è affollato da "non decisioni"
Bimba in lacrime al nido
VARESE

Maltratta i bimbi e si apparta col compagno: maestra sospesa

"Guardati, fai schifo", "piangi che così ti passa" sono le frasi rivolte alle piccole vittime del...
Volontarie della croce rossa e personale ospedaliero
SALUTE

Firmato accordo tra Croce rossa e Campus bio-medico

Le crocerossine, con la loro attività di volontariato, supporteranno l’attività infermieristica
Parte del manifesto blasfemo apparso a Bologna

Un'offesa alla Mamma Celeste

A Bologna, una festa universitaria diventa blasfema
Donald Trump
KIEVGATE

Via libera all'impeachment: cosa rischia Trump

L'annuncio della speaker Nancy Pelosi ha mandato su tutte le furie il presidente. Ma c'è lo scoglio del Senato
Concilio Vaticano II

Pietro non fa politica

La tentazione è vecchia di due millenni: cercare di tirare la bianca veste verso una parte,...
Palazzo Chigi
GOVERNO

Manovra, salta l'intesa in Cdm

Ok alla riforma del processo civile ma Italia viva fa muro su sugar e plastic tax. Conte: "L'esecutivo va avanti"
AFRICA

Ecco chi sono le 14 persone rapite dall'Isis

La notizia è stata diffusa dal Site
L'elemosiniere di Sua Santità, Konrad Krajewski, e Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant'Egidio, mentre accolgono i 33 profughi provenienti da Lesbo a Roma Fiumicino - Foto © Sir
CHIESA IN USCITA

L'elemosiniere del Papa: "Se aprissimo le nostre parrocchie, a Lesbo non ci sarebbero più profughi"

Parla il cardinale Krajewski, giunto a Fiumicino ad accogliere 33 rifugiati
MILANO

Dramma fuori dalla metro, clochard muore di freddo

L'appello del sindaco Sala ai cittadini: "Invitateli ad andare nei centri"