MARTEDÌ 22 OTTOBRE 2019, 00:01, IN TERRIS

Cile, i punti chiave della protesta

Le testimonianze di chi vive nel Paese sudamericano, sconvolto da scontri e tafferugli a causa dei rincari

MANUELA PETRINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
I

l Cile non ha un buon ricordo dei militari e dei carrarmati in strada, a causa della sua storia di dittatura, ai tempi di Pinochet. Ma in questi ultimi giorni i mezzi pesanti e l'esercito sono tornati a marciare per le vie di Santiago del Cile - e anche di altre città - a causa delle proteste sui rincari che stanno infiammando il Paese. In poco più di 36 ore di manifestazioni, 11 persone hanno perso la vita. Ventimila posti di lavoro hanno subito conseguenze, le banche e i grandi centri commerciali hanno preferito tenere abbassate le loro serrande. In una città come Santiago del Cile, che conta 5,614 milioni di abitanti, solo 436 supermercati sono aperti. La capitale cilena sta funzionando al 60% del suo potenziale. 


Come è iniziato il caos

"L'inizio della protesta che stiamo vivendo in Cile, è coinciso con l'aumento della tariffa della metropolitana", spiega Gustavo Sburlatti, giornalista di Mega Tv. "Tutto è iniziato con un appello degli studenti a non pagare il bisglietto della metro a cui, piano piano, si sono unite molte persone, soprattutto dopo ever visto l'azione repressiva della polizia nei confronti degli studenti in protesta". Il governo cileno, infatti, nei giorni scorsi aveva approvato un aumento da 800 a 830 pesos del biglietto della metropolitana, quotidianamente usata da circa 3 milioni di persone. Questa decisione ha provocato al reazione degli studenti che hanno iniziato a protestare entrando nella metro senza pagare e facendo in modo che anche altre persone entrasseso in maniera gratuita. Lo scorso venerdì, le proteste sono aumentate, ci sono stati scontri, a Santiago 106 stazioni della metro su 130 sono state incendiate. Un'escalation che ha fatto vivere al Paese la giornata più violenta da decenni. "In realtà - spiega il giornalista - l'aumento del biglietto della metropolitana è stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso. Da molto tempo, infatti, la popolazione cilena, vive una situazione di scontento in vari settori, a partire dal sociale fino alla salute, l'educazione, le pensioni e la delinquenza. Tutti questi temi, uniti a una poca emapatia del governo nel trovare soluzioni, ha portato a uno stallo sociale, dove chiaramente la delinquenza dilaga con atti vandalici, saccheggi, furti".


Cosa sta facendo il governo

Il governo di Sebastian Piñera ha annunciato la sospensione del rincaro del biglietto del metro, specificando che sarebbe stata necessaria una legge per rendere effettivo il provvedimento. Una legge urgente per raggiungere un accordo e permettere di proteggere meglio le persone. "Credo che in un primo momento il governo non vi abbia dato molta importanza, probabilmente non hanno pensato che la situazione potesse degenerare così tanto - afferma Sburlatti -. Quando si sono resi conti di essere sopraffatti, la prima misura adottata è stata quella di far dispiegare i militari nelle strade, proclamare lo stato di emergenza e istituire un coprifuoco. Fattori che hanno politicizzato ancora di più la questione, per questo l'opposizione ha organizzato 'cacerolazos' (persone riunite in posti strategi a 'suonare le pentole') e manifestazioni contro il coprifuoco". Ma il malcontento della popolazione cilena non è nato dall'oggi al domani. Infatti, sia i governi di Bachelet che quello di Piñera hanno generato aspettative, poi disilluse, che hanno contribuito ad aggravare l'insoddisfazione.


Il ruolo degli studenti nelle manifestazioni

"Gli studenti in Cile, sono stati, già da vari anni, il movimento sociale che per più volte è sceso in strada per manifestare. Per questo si è trasformato in un movimento di protesta che, se prima non era molto ascoltato, oggi viene preso molto sul serio", spiega Sburlatti. Sono stati proprio gli studenti, infatti, a realizzare una delle più importanti e imponenti manifestazioni in Cile, dopo il ritorno della democrazia. Si tratta della cosidetta "rivoluzione dei pinguini", avvenuta nel 2006, che ha dato vita a un importante precedente per quanto riguarda la domanda sociale di miglioramento dell'istruzione nel Paese sudamericano. 


La testimonianza di chi vive a Santiago del Cile

"Siamo chiusi in casa, non possiamo uscire, non è sicuro. Inoltre, non funziona neanche la metropolitana che è stata quasi tutta bruciata". A parlare sono Rodrigo e Carolina, membri dell'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, che vivono a Santiago del Cile, insieme ai loro due figli, Simon ed Elena. "Siamo preoccupati, ma questa situazione in qualche modo era necessaria", spiega Carolina che, pur condannando fermamente gli episodi di violenza, racconta come la popolazione cilena sia ormai allo stremo non ce la fa più. "Aumenta il costo della luce, del gas, del biglietto del metro ma il salario minimo resta sempre quello - racconta Rodrigo -. Ci sono persone che, dopo aver pagato le bollette, non hanno più niente nel loro portafoglio. Come fanno a vivere?". Basti pensare che in Cile il salario minimo è di 301.000 pesos, al cambio 371, 74 euro, mentre la pensione minima è pari a poco più di 187.000 pesos, ossia 231 euro. "Quello che succede ora, è che le persone stanno andando in pensione e poi cercano dei lavoretti per arrivare a fine mese. Una persona che ha lavorato tutta la sua vita, a 65 anni va in pensione e deve iniziare di nuovo a cercare lavoro per vivere. E' terribile". "Non so quando finirà tutto questo. Da dentro casa ascoltavamo le sirene delle ambulanze, dei vigili del fuoco, dei militari. E' terribile. Come posso spiegare questa situazione a mio figlio che ha 7 anni?". 


Un'oasi di pace che non c'è

Incendi, scontri, stato d'emergenza e coprifuoco, una situazione che in Cile non si viveva da decenni e che riporta indietro ai tempi della dittatura di Pinochet. E questo, sta accadendo in un Paese che il presidente Piñera aveva definito "un'oasi di pace". Ora la situazione è cambiata bruscamente e nessuno sa se la rabbia dei cileni si fermerà e quando accadrà.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La Diamond Princess
CORONAVIRUS

Giappone: iniziato lo sbarco della Diamond Princess

E' partito l'aereo che porta il personale sanitario a Yokohama per soccorrere gli italiani
Pereira Carlos Alberto Salazar
OPERAZIONE ANTIDROGA

Colombia, catturato il "Pablo Escobar" dell'eroina

Sul trafficante di droga pende una richiesta di estradizione dagli Stati Uniti
Giuseppe Conte e Matteo Renzi
GOVERNO

Conte-Renzi, sfida ad alta tensione

Accordo sulla prescrizione ma l'estenuante giornata in Senato ha assestato un altro colpo alla maggioranza
Dia
IL BLITZ

Mafia, arrestato il fratello della vedova Schifani

Giuseppe Costa è accusato di associazione mafiosa nell'ambito dell'inchiesta sul clan dell'Arenella. Suo...
MODENA

Tre ragazzi lanciano sassi contro un treno: 14enne indagato

La Procura sta procedendo per attentato alla sicurezza dei trasporti e getto pericoloso di cose
Il cardinale, Christian Wiyghan Tumi, parla con il leader d'opposizione del Camerun, John Fru Ndi, durante la cerimonia di apertura del piano di dialogo nazionale a Yaounde il 30 settembre 2019 - Foto © AFP
AFRICA

Don Forka, il prete che accusa il suo governo di genocidio

Il sacerdote ha scelto YouTube per denunciare il massacro nelle regioni anglofone del Camerun
La Diamond Princess
L'EPIDEMIA

Diamond Princess, un italiano positivo al Coronavirus

Mille sbarcati dalla Westerdam senza quarantena: tra loro 1 infetto e 5 italiani, individuati in Cambogia
Flavio Bucci nei panni di don Bastiano ne
IL LUTTO

E' morto Flavio Bucci, il don Bastiano di Monicelli

L'attore torinese è deceduto nella sua casa di Passoscuro a 72 anni. Quasi cinquant'anni di carriera fra cinema,...
Liliana Segre
LA TESTIMONIANZA

Liliana Segre, laurea honoris causa alla Sapienza

La senatrice inaugura l'Anno accademico e riceve il titolo in Storia dell'Europa: "Conoscere è...
CONFLITTO

Siria, inventa un gioco per distrarre la figlia dalle bombe

Il video è virale. Le Nazioni Unite sugli attacchi: "Abbiamo raggiunto un livello orribile"
Il prof. Giovanni Rocchi
ROMA

Oggi i funerali del fondatore di "medicina solidale"

Giovanni Rocchi espresse "il carattere più autentico della medicina". Il cordoglio dell'Univ. di Tor...
POLITICA

Milleproroghe, chiesta fiducia. Incognita decreto sicurezza

Palazzo Chigi lavora a riscrivere il decreto. Ma la vera sfida è mettere tutti d'accordo
L'imprenditore e filantropo Osman Kavala
TURCHIA

Gezi Park, il filantropo Kavala rischia l'ergaastolo

In detenzione preventiva, Kavala è accusato di aver tentato di rovesciare il governo di Erdogan
GERMANIA

Roettgen si candida alla guida del Cdu

Fino ad ora si era sempre parlato di tre candidati: l'avvocato finanziario Friedrich Merz, il ministro della Salute Jens...
Agenti della Dia di Palermo e, nel riquadro, Nino Agostino
PALERMO

Arrestato il boss Gaetano Scotto

Indagato anche per l’omicidio del poliziotto Nino Agostino e della moglie
Guardia di Finanza
BRESCIA

Maxi frode fiscale: 22 arresti

Sgominata dalla GdF un'associazione per delinquere transnazionale