VENERDÌ 20 SETTEMBRE 2019, 14:10, IN TERRIS

Figlie in vetrina

DON ALDO BUONAIUTO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il distretto a luci rosse di Amsterdam - Foto © tripblogpost.com
Il distretto a luci rosse di Amsterdam - Foto © tripblogpost.com
I

n un momento in cui il nostro Paese è chiamato a offrire garanzie di serietà all’Europa, mettere sul tavolo la peggiore immagine possibile del nostro Paese non è solo eticamente riprovevole ma anche stoltamente controproducente sul piano della credibilità nazionale. “La prostituzione è un crimine contro l’umanità”. Queste sono le parole che Papa Francesco ha più volte ripetuto ai nostri governanti. “Per aiutare veramente queste nostre sfortunate sorelle e per impedire che l’iniquità del mondo ricada sulle più fragili e indifese creature, qualsiasi forma di prostituzione va considerata una riduzione in schiavitù, un atto criminale, un vizio schifoso che confonde il fare l'amore con lo sfogare i propri istinti, torturando donna inermi”, ammonisce papa Francesco nella prefazione che lui stesso mi ha fatto dono, dando voce a chi non ha voce, di scrivere al libro Donne crocifisse al fine di denunciare con forza l’ingiustizia insopportabile di chi, nell’ignoranza e nell’indifferenza, vorrebbe alimentare il traffico delle donne costrette a prostituirsi.

La proposta lanciata dal consigliere regionale della Lega in Toscana è gravissima e per questo auspico che il partito, con a capo il suo leader, prenda la distanze dalle sue inammissibili dichiarazioni. Dire che mettere le donne in vetrina come ad Amsterdam sia un modo efficace per incentivare il turismo è come inserire il mercimonio coatto tra le offerte turistiche delle località termali della regione. Si vorrebbe far diventare lo Stato il grande pappone, complice delle organizzazioni criminali delle evidentemente il consigliere regionale leghista ignora del tutto le devastanti ramificazioni proprio nei paesi europei da lui citati (Germania, Olanda, Austria), al centro da anni di continue operazioni di polizia contro i clan della tratta. Mi appello perciò alle donne e agli uomini  della Lega, così come di tutti gli altri partiti politici, affinché non si dividano sull’unico e improcrastinabile dovere: liberare le donne vittime di tratta e prostituzione schiavizzata. Nessuna donna nasce prostituta, ma c’è sempre qualcuno che ce la fa diventare. I nostri politici, per interessi scandalosi, non si mettano dalla parte di chi vuole far diventare le persone carne da macello. Sarebbe il fallimento di una società che si riduce a mettere in vendita e in esposizione i propri figli arrendendosi all’l’idea che le relazioni più intime si possano acquistare.  

"Mai più schiave" è stato il monito del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, lo scorso 8 marzo nel corso della cerimonia dedicata al Quirinale alle donne mercificate, umiliate e condannate ad essere oggetto di sfruttamento. Le nostre istituzioni, per fermare questo ignobile mercato, prendano come esempio il vero modello europeo e cioè quello nordico che consiste nel colpire la domanda, fermando quindi i cosiddetti clienti che pensano di avere il diritto di abusare di una giovane donna crocifissa sulle strade e nei locali notturni d’Italia. La criminalità organizzata a livello internazionale ha tre traffici illeciti sui quali costruisce la propria colossale prosperità economica: la droga, le armi e la prostituzione coatta. Contro tutte le connivenze, ipocrisie, complicità e malafede noi della Comunità Papa Giovanni XXXIII da oltre trent’anni scendiamo di notte nelle strade per strappare al racket del mercimonio coatto le vittime sacrificali di questo ignobile e perverso business. Invito trasversalmente tutti coloro che la pensano come questo consigliere regionale a visitare le case nelle quale accogliamo le ragazze che si vorrebbe esporre in vetrina come merce in vendita. Quando si lanciano proposte così irragionevoli e squalificanti bisognerebbe prima immaginare che su quelle strade o in quelle vetrine dei negozi non ci siano solo ragazze arrivate dai paesi poveri ma anche le loro coccolatissime figlie e nipoti.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Francostars
24 Settembre 2019 @ 16:01
Come fare con la Convenzione ONU 1949/51, che l'Italia, a differenza di altri Stati come l'Olanda e la Germania ha ratificato in via definitiva nel 1980, la quale proibisce le case chiuse ed anche le donne in vetrina? Continuo sempre a dirlo, ma non mi ascoltano e nemmeno mi rispondono!
Raffaele ateniese
22 Settembre 2019 @ 07:04
E pensare che in anni recentissimi vi è stato chi ha proposto la riapertura delle case per finanziare attraverso la tassazione delle "prestazioni" una riforma pensionistica. Temo che la proposta del consigliere toscano abbia consensi più autorevoli e più ampi nel suo partito.
Bianca maria diamanti
21 Settembre 2019 @ 11:02
sono perfettamente d'accordo sul fatto che "nessuna donna nasce prostituta", per cui il fenomeno immondo e scandaloso della prostituzione può e deve essere fermato e non incentivato perché aumenta il Pil. Dove è arrivata la nostra morale, il senso etico di uno stato che si arricchisce facendo finta di combattere il mercato della criminalità organizzata? il fenomeno interessa tutti, uomini, donne e i bambini e le bambine di domani soprattutto coloro che nascono in condizioni sociali , economiche e culturali svantaggiate. Queste sono le persone più ricattabili e a rischio schiavitù. Inorridisco al solo pensiero che nella regione Toscana, terra che ha dato poeti, artisti tra i più grandi dell'umanità, che ha dato il via al grande periodo storico del Rinascimento e al fiorire della lingua italiana, usi la nostra lingua per proferire parole tanto immonde.
Armando turini
21 Settembre 2019 @ 08:18
Titolo FIGLIE IN VETRINA è molto appropriato. NON FARE AGLI ALTRI CIO' CHE NON VUOI SIA FATTO A TE è ben chiaro nel vostro articolo. Spero sia ascoltato, specialmente dai politici che devono dare esempio.

Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un frame del video dell'opera di Banksy postato sui social
STREET ART

Il commovente murales natalizio di Banksy in un video virale

Al centro dell'opera i senzatetto soli durante le festività
Antonio Salieri e Wolfgang Amadeus Mozart (Foto di scena)
TEATRO

Amadeus, il dramma dell'uomo contro il genio

In scena al Teatro della Pergola di Firenze, dal 10 al 15 dicembre, l'opera di Peter Shaffer sotto la regia di Andrej...
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
POLITICA

Governo, una verifica dopo la Manovra

Il premier Conte dà l'ok a un confronto in maggioranza a gennaio: "Serve un cronoprogramma fino al 2023"
ANNIVERSARIO

40 anni dalla missione di solidarietà nel Sud est asiatico

Nel 1979 l'Italia soccorse un migliaio di profughi vietnamiti che vagavano per il mare con mezzi di fortuna in una drammatica...
CAPOLAVORI IN MOSTRA

I patroni di Roma tornano a casa

Dalle collezioni dell’Ermitage di San Pietroburgo alla capitale d'Italia e della cattolicità: sarà...
IL PUNTO

La settimana politica

Dalla manovra alla legge elettorale, i temi al centro del dibattito
Olio d'oliva extra vergine
ALLARME COLDIRETTI

Olio: crolla il prezzo della produzione nazionale

"Le giacenze di olio straniero (spagnolo e tunisino) hanno superato i 62 milioni di chili prodotti"
 White Island
NUOVA ZELANDA

Erutta il vulcano Maha Whakaari: morti e dispersi

E' successo nella White Island proprio mentre c’era un gruppo di turisti in visita
Migranti

Una regola per il futuro

C'è un grande scontro nella nostra società sul fenomeno che vede migliaia e migliaia di persone...
Diritti umani

Aspettando la vera rivoluzione

"Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di...
Il cardinal Tagle
CURIA VATICANA

Il nuovo “papa rosso” è il filippino Tagle

Il Santo Padre nomina Prefetto di Propaganda Fide l’arcivescovo di Manila e presidente della Caritas internazionale
Il monumento dedicato a Cristina Biagi
IL CASO

Femmincidio Biagi, l'Inps rinuncia al rimborso

La richiesta era stata avanzata alle figlie minorenni della donna uccisa dall'ex marito, che ferì un'altra...