Venerdì la preghiera itinerante “Dio cammina al passo dei poveri”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:59

Dio cammina al passo con i poveri”. E' questo il titolo della preghiera itinerante che, venerdì 12 aprile, si svolgerà per le strade di Bologna, toccando alcuni luoghi simbolo delle povertà. L'iniziativa è stata promossa da un gruppo di associazioni – tra le quali l'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, Nuovi Orizzonti, Azione cattolica, Comunità Sant'Egidio, Comunione e Liberazione, Rinnovamento nello Spirito e Focolarini – ed ha come obiettivo quello di testimoniare la bellezza di essere Chiesa, con il comune intento di essere al servizio del povero, attraverso i poveri

Le tappe

La partenza è prevista alle 18.15 da piazza di porta San Vitale, nei pressi del Sant'Orsola dove, insieme al “Servizio accoglienza alla vita” di Budrio e all'associazione Albero di Cirene, attraverso la preghiera si ringrazierà per i tanti bambini che qui vengono alla luce, senza dimenticare quelli a cui viene negato il diritto di nascere. La seconda tappa è fissata nella chiesa di San Sigismondo dove è previsto l’incontro con don Francesco Ondedei, responsabile della Pastorale universitaria e missionaria. Saranno il Movimento dei Focolari e la Comunità di Sant’Egidio a ricordare i migranti che cercano accoglienza a Bologna. La terza tappa è prevista in piazza Verdi, luogo in cui è sotto gli occhi di tutti la piaga delle dipendenze da sostanze. Nuovi Orizzonti e la Comunità Papa Giovanni XXIII porteranno le testimonianze di alcuni ragazzi che hanno scelto di riprendersi in mano la propria vita.

La presenza dell'Arcivescovo

La quarta tappa sarà in piazza Maggiore, nei pressi di Palazzo d'Accursio, dove l'Arcivescovo di Bologna, monsignor Matteo Maria Zuppi commenterà il brano “Grida a squarciagola, non aver riguardo…”. La preghiera itinerante si concluderà alle 20.00 nella cattedrale di San Pietro. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.