Usare i social, corso per genitori moderni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:30

Essere genitori nell’epoca dei social network. Ecco allora che su iniziativa della Fondazione “San Vito Onlus” e della Caritas diocesana di Mazara del Vallo, ha preso il via un mini-corso per imparare a conoscere il mondo dei social: re incontri territoriali e due presso la sede della Fondazione a Mazara del Vallo, per parlare del mondo digitale, dei vantaggi e dei rischi.

Al passo coi tempi

“Oggi i bambini già all’età di 10 anni possiedono uno smartphone, il 60 per cento dei ragazzi tra i 9 e i 16 anni ha almeno un profilo sui social network. Deve cambiare l’attenzione che i genitori devono dedicare ai propri figli in quanto l’evoluzione tecnologica porta con sé una serie di problematiche e pericoli che hanno come bersaglio i più giovani”, spiegano Marilena Campagna e Mario Luppino dell’equipe di formazione. Il percorso gratuito, guidato da una psicologa, un giornalista e un esperto di social, consentirà agli adulti di comprendere le dinamiche e le azioni che i giovani compiono, direttamente o indirettamente nell’ambito social e digitale.

I prossimi incontri

Come riprota il SIr, gli incontri territoriali si terranno: mercoledì 28, alle ore 18:30, presso la Fondazione San Vito a Mazara del Vallo per le parrocchie della Forania di Mazara del Vallo, e venerdì 2 marzo, alle ore 16:30,  presso la parrocchia Maria Ss. Ausiliatrice di Marsala (Salesiani). I due incontri plenari si terranno venerdì 23 marzo, alle ore 16:30, presso la Fondazione San Vito Onlus di Mazara del Vallo e il 22 aprile, l’intera giornata, con l’equipe di “Hope”, associazione nazionale che si occupa di formazione sul rapporto tra educazione e mass-media.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.