Si celebra il rito della benedizione delle adozioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:00

Il rito della Benedizione delle adozioni è dedicato in maniera specifica ai genitori e ai figli adottivi. Si celebrerà domenica 24 febbraio alle 11 nella chiesa dell’Istituto salesiano Bearzi, ad Udine.

La celebrazione

La Santa Messa sarà celebrata dall’Arcivescovo di Udine, monsignor Andrea Bruno Mazzocato. Don Davide Gani, direttore dell'Ufficio diocesano di Pastorale familiare ha commentato così l'appuntamento: “È un’iniziativa altissima che ci dice quanto di buono ci sia a livello cristiano sul nostro territorio. Coppie che, il più delle volte non potendo avere figli propri, si sono poste di fronte a Dio, chiedendo; Signore, cosa vuoi da me? Come vuoi che metta a frutto la mia vita familiare e di coppia? E la risposta l’hanno trovata nel Vangelo; 'Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me'. Accogliendo un bambino, è Cristo che viene. Queste famiglie celebrano il dono di Gesù nella loro casa, Cristo che si fa prossimo a loro attraverso la presenza dei figli. Un incontro che non può che essere benedetto”.

Promotori

L'iniziativa è stata fortemente voluta dalle associazioni “Famiglie per l’accoglienza” e “Amici dei bambini” e dalla comunità di fedeli “La pietra scartata”. Nella sperimentazione di questo rito la diocesi friulana segue quelle di Bologna, Venezia, Torino e Milano. Prima della celebrazione, figli e genitori adottivi hanno partecipato ad un corso preparatorio nel Seminario interdiocesano di Pagnacco che è stato tenuto da don Gani con la collaborazione della famiglia Borel e di Massimo Cicchetti, esponenti delle associazioni coinvolte.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.