I topi danneggiano l'organo, al via la raccolta fondi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:03

Itopi hanno danneggiato il monumentale organo dell'Abbazia di San Martino delle Scale, frazione montana di Monreale in provincia di Palermo. E ora lo strumento musicale che accompagna il canto durante le liturgie, rischia di non suonare più come una volta.

L'iniziativa

Ecco perché è stata organizzata una raccolta fondi attraverso una cena all'interno del refettorio dei monaci e una visita guidata nel monastero: due eventi che si terranno il 4 novembre a partire dalle ore 19. Obiettivo è quello di tentare di reperire la somma necessaria per un intervento straordinario di manutenzione che richiede 10 mila euro. L'Abbazia è di proprietà del Fec, il fondo edifici di culto del ministero dell'interno. “La giornata speciale che abbiamo ideato – spiega l'abate Vittorio Rizzone – da un lato coniuga la possibilità che offre l'abbazia di poter visitare questi luoghi e di cenare nello storico refettorio e dall'altra di poter godere delle specialità enogastronomiche del territorio”. La basilica abbaziale di San Martino delle Scale (de Scalis) e l'annesso monastero dell'Ordine di San Benedetto della congregazione cassinese costituiscono un aggregato monumentale adagiato in una porzione di territorio compresa tra le falde di Monte Cuccio e Monte Caputo. Sebbene il monumento ricada nell'arcidiocesi di Monreale, Gaspare Palermo lo elenca tra le meraviglie e attrazioni delle immediate adiacenze della città di Palermo. Il paesaggio montuoso e ricco di boschi ne ha fatto una località particolarmente apprezzata dai palermitani per la villeggiatura, grazie alle bellezze culturali alla frescura che offre nella stagione estiva.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.