Insegnante orco abusava delle bambine a scuola

Molestò le sue alunne, un 66 enne in carcere a Parma. Deve scontare la pena di 4 anni e 6 mesi per violenza sessuale. Gli abusi compiti a scuola

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

Una scuola resa un inferno da un orco. La scuola ridotta a teatro degli abusi su bambine commessi da un insegnante. Nel marzo dello scorso anno l’uomo era stato condannato in primo grado con tiro abbreviato a cinque anni e due mesi. Il giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Parma Mattia Fiorentini allora dispose anche il divieto di insegnamento per tre anni. Con l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e un primo risarcimento per le vittime. Poi la condanna definitiva ed ora il carcere. Le sue vittime di 11, 12 e 13 anni avevano dovuto patire per mesi, anche anni, le sue attenzione morbose.

Scuola degli orrori

Violenze sessuali a tutti gli effetti a cui l’uomo le costringeva nell’aula di un istituto scolastico parmigiano. Aula che l’uomo affittava per svolgere lezioni private di musica. Una delle sue vittime aveva più volte implorato i genitori. Non voleva più seguire il corso di musica da quell’uomo. Ma solo alla fine, dopo due anni di soprusi, ha avuto il coraggio di confessare davvero il perché. Ora quell’insegnante parmigiano, a 66 anni, è definitivamente finito in carcere. I carabinieri gli hanno notificato un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura generale della Corte d’Appello di Bologna.

Anni di abusi su minori

Sconterà una pena di quattro anni e sei mesi. L’uomo comunque era finito ai domiciliari già nel dicembre del 2017. Quando una delle sue tre vittime, una ragazza di 14 anni, aveva avuto la forza di raccontare cosa davvero succedeva durante le lezioni. La ragazza era stata affidata all’insegnante dal settembre del 2015. Quando aveva solo 12 anni. E prima ai familiari e poi ai carabinieri ha raccontato delle attenzioni morbose dell’uomo. Degli abusi e delle foto nude che era stata costretta a fare. Oltre alla sua testimonianza, gli inquirenti avevano anche recuperato alcuni messaggi sul telefono dell’insegnante inviati dalla ragazza. Con cui lei lo supplicava di smetterla con quelle “attenzioni” come, ad esempio. “Sono solo una ragazzina. Non si può comportare così. Se va avanti dovrò dirlo ai miei genitori“. La denuncia della ragazza aveva portato all’arresto dell’uomo, finito appunto ai domiciliari. Il coraggio di quella ragazzina, costretta per due anni a subire abusi e molestie, ha alla fine convinto anche altre due compagne. Che hanno confessato quanto succedeva durante le lezioni. I casi accertati sono così saliti in tutto a tre.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.