Via Lattea: catturato il primo lampo radio veloce

Proviene da una magnetar, una stella di neutroni con un forte campo magnetico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:08
Via Lattea

Proviene da una magnetar, una stella di neutroni con un campo magnetico molto intenso, il primo lampo radio veloce (Fast radio burst, Frb) ), enigmatico segnale radio di brevissima durata, intercettato nella Via Lattea. È il più potente segnale radio mai osservato nella nostra galassia. La scoperta è pubblicata in tre articoli sulla rivista Nature e una delle ricerche è coordinata dall’italiano Daniele Michilli, dell’Università canadese McGill.

L’origine della scoperta nella Via Lattea

“L’importanza della scoperta deriva dal fatto che dopo anni di ricerca abbiamo identificato l’origine di almeno una parte dei lampi radio veloci”, dice all’Ansa Michilli. “È il primo segnale radio con le caratteristiche di un Frb che osserviamo nella Via Lattea. Quindi – precisa l’esperto – è anche il più potente lampo radio mai osservato nella nostra galassia”.

Il lampo Frb 200428

Il lampo radio veloce, chiamato Frb 200428, è stato captato il 28 aprile 2020. Un successo raggiunto grazie al radiotelescopio canadese Chime (Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment) e a quello americano Stare2 (Survey for Transient Astronomical Radio Emission 2).

Una stella di neutroni

Oltre al segnale nella Via Lattea hanno riscontrato anche una violenta emissione di raggi X e gamma. Inoltre grazie anche al monitoraggio del telescopio cinese Fast (Five-hundred meter Aperture Spherical Telescope), l’hanno collegato alla magnetar SGR 1935+2154, all’interno della Via Lattea. Si tratta di un particolare tipo di stella di neutroni, ciò che resta di stelle giganti esplose: oggetti cosmici così densi che un cucchiaino della loro materia sulla Terra peserebbe un miliardo di tonnellate, quasi quanto 170 milioni di elefanti.

“Gli Frb sono lampi di onde radio di pochi millesimi di secondo che generalmente arrivano da galassie lontane miliardi di anni luce. Per vederli da così lontano quindi – chiarisce Michilli – devono essere estremamente potenti. Però, a causa della distanza, finora non eravamo mai stati in grado di capire che cosa desse origine a questi lampi”, aggiunge lo studioso.

Quanti lampi radio ci sono ogni giorno?

Gli astrofisici ritengono che nell’universo siano emessi in media 5.000 lampi radio veloci al giorno. La loro origine è, però, ancora controversa. Per spiegarne l’emissione, in passato sono state persino chiamate in causa civiltà aliene. Esistono decine di modelli teorici che ne descrivono la formazione e tutti fanno riferimento a contesti astrofisici estremi e sorgenti ad alta energia. Proprio come le magnetar.

“Per questo, è importante – conclude Michilli – avere captato per la prima volta un Frb nella nostra galassia e avere visto che è stato generato da una magnetar. Questo significa che almeno alcuni Frb possono essere prodotti da questo tipo di sorgenti: una conferma delle nostre teorie”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.