Terremoto Grecia: il video virale del ragazzo che gioca in streaming

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:07

In questa epoca super tecnologica e iper connessa, eventi drammatici come i terremoti lasciano non solo una scia di distruzione e dolore, ma anche una serie di videotestimonianze sorprendenti.

Terremoto

E’ quanto accaduto con il recente terremoto di magnitudo 6.7 al largo dell’Isola di Samos in Grecia che ha causato onde di mini-tsunami sulla costa turca. Al momento si parla di decine di morti e centinaia di feriti sia in Grecia che in Turchia.

I social hanno subito ribattuto notizie, foto e filmati. Tra questi, uno in particolare sta diventando virale in quanto pur non riportando particolari scene di distruzione, fa ben capire come questo tipo di fenomeni naturali irrompano nella vita quotidiana con tutta la loro impressionante potenza.

Il video del ragazzo che gioca in streaming

Nel video inizialmente si vede un ragazzo come tanti giocare con il suo joistick su Twitch, una piattaforma che consente lo streaming di videogiochi. Il suo nome è Arda can Özel, nome da streamer: Falcon2k.

Improvvisamente, il terremoto irrompe con tutta la sua violenza e la stanza inizia a tremare. Il ragazzo corre velocemente fuori dalla sua cameretta per mettersi in salvo e lascia la telecamera accesa.

Il video – scrive Notizie.it – mostra dunque tutta l’impressionante forza del terremoto che fa letteralmente tremare le mura della stanza con gli oggetti che cadono a terra mentre dall’esterno si sentono le urla di paura e il cane di Arda abbaiare.

Quando Arda torna in camera, nonostante la violenta scossa sia terminata, la telecamera continua a tremare tanta la violenza del sisma che ha avuto origine nel Mar Egeo. Come si evince dal video, il ragazzo fortunatamente sta bene. E anche il cane! Purtroppo, non è andata altrettanto bene a morte altre persone, meno fortunate, rimaste sotto le macerie.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.