I rimedi per porre fine all’accumulo digitale

Gli accumulatori seriali, di oggetti fisici o dati virtuali, hanno caratteristiche simili: non riescono a sbarazzarsi delle cose o dei dati

web
Sad and scared young boy with computer laptop suffering cyberbullying and harassment being online abused by stalker or gossip feeling desperate and humiliated in cyber bullying concept.

Interi gigabyte di spazio su telefoni, pc e tablet occupati da una miriade di foto, email, video che non usiamo più da anni. Giace lì, inutile e inutilizzata, occupando “accumulo digitale” (in inglese digital hoarding).  E’ una delle muove malattie del XXI secolo, e sostituisce o affianca quella dell’accumulo fisico di oggetti reali.

Gli accumulatori seriali, di oggetti fisici o dati virtuali, hanno caratteristiche simili: non riescono a sbarazzarsi delle cose, che accumulano in quantità e in modo disordinato. Uno studio pubblicato su Information & Management indaga questo nuovo disturbo tipico dell’era digitale, cercando di definirlo e capire come combatterlo.

L’accumulo digitale

Gli autori definiscono accumulo digitale la necessità di acquisire e conservare contenuti digitali senza uno scopo preciso. Rispetto all’accumulo di oggetti, quello di file è per certi versi più semplice e può più facilmente sfuggire di mano. Innanzitutto, l’accumulatore seriale del mondo digitale non ha i limiti che impone lo spazio fisico: può decidere di comprare più memoria nel cloud, o acquistare un nuovo disco esterno e continuare a salvare dati.

In secondo luogo, accumulare file non richiede alcuno sforzo fisico: è tutto a portata di clic, e non serve spostare mobili o liberare stanze per farci stare più cose. Infine, i contenuti digitali possono essere copiati e moltiplicati, con un potenziale accumulo infinito di dati.

L’ansia da accumulo

L’accumulo digitale viene definito dagli autori sulla base di tre criteri: la costante acquisizione di contenuti digitali, la difficoltà nel liberarsene e la propensione al disordine virtuale. Alcune delle 846 persone che hanno partecipato allo studio erano arrivate ad accumulare oltre 40 terabyte (TB) di file: spesso questo accumulo compulsivo genera alti livelli di ansia, specialmente nelle donne.

I rimedi per porre fine all’accumulo digitale

Per evitare che l’accumulo incontrollato di dati virtuali si trasformi in un serio disturbo mentale, gli esperti di Focis.it consigliano di:

  • fare una “pulizia di primavera” ogni anno, ripulendo i dispositivi elettronici da contenuti inutili;
  • cercare di organizzare file e email in modo ordinato;
    ridimensionare l’importanza dei social network e dei gruppi di Whatsapp, eliminando quelli non necessari.
  • Se queste indicazioni non dovessero dare risultati, o se provare a metterle in pratica dovesse generare ansia o frustrazione, secondo gli esperti potrebbe valere la pena rivolgersi il prima possibile a un medico o uno psicologo, per farsi aiutare.