Pompei: estratto “dalle ceneri” carro da parata quasi integro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:25

Gli scavi di Pompei non smettono di regalare grandi emozioni. Uno splendido carro da parata quasi integro è infatti emerso dallo scavo della villa suburbana in località Civita Giuliana, negli scavi di Civita Giuliana, a nord della città distrutta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.

Il grande carro cerimoniale a quattro ruote è stato rinvenuto nel porticato antistante alla stalla, dove nel 2018 erano emersi i resti di tre cavalli. Il reperto preserva i suoi elementi in ferro, le bellissime decorazioni in bronzo e stagno, i resti lignei mineralizzati, le impronte degli elementi organici. Si tratta di un ritrovamento unico, che non ha precedenti in Italia, in ottimo stato di conservazione.

Il ritrovamento del carro cerimoniale

Il ritrovamento del carro da parata è stato annunciata oggi dal Parco Archeologico di Pompei e dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata con il ministero della Cultura.

“Pompei continua a stupire con le sue scoperte e sarà così ancora per molti anni con venti ettari ancora da scavare. Ma soprattutto dimostra che si può fare valorizzazione, si possono attrarre turisti da tutto il mondo e contemporaneamente si può fare ricerca, formazione e studi, e un giovane direttore come Zuchtriegel valorizzerà questo impegno” ha commentato il ministro della cultura Dario Franceschini.

“Si tratta di una scoperta di grande valore scientifico. Un plauso e un ringraziamento al Parco Archeologico di Pompei, alla Procura di Torre Annunziata e ai Carabinieri del nucleo Tutela Patrimonio Culturale per la collaborazione che ha scongiurato che reperti così straordinari fossero trafugati e illecitamente immessi sul mercato”, ha concluso Franceschini.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.