Pesci rossi: dall'acquario alle pozzanghere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Dopo l'ultima ondata di maltempo, nel Salento, nello specifico nelle campagne adiacenti ai Bacini di Ugento,  oltre ai danni provocati ad alberi e pali della luce sdradicati, case e locali inondati dall'acqua piovana, migliaia di pesci rossi (Carassius auratus) – come segnalato e documentato fotograficamente dal consigliere comunale Gianfranco Coppola, referente per Ugento dello “Sportello dei Diriti” –  si sono riversati nelle campagne dopo essere stati esondati a causa della mareggiata di scirocco e delle violentissime piogge che stanno mettendo sotto pressione l'intera penisola. 

Un 'invasione aliena 

Un fenomeno questo, provocato sì dal maltempo, ma che questa volta non farà discutere solo gli ambientalisti, perchè come emerso da Giovanni D'Agata, pesidente dello “Sportello dei Diritti”, oltre alla triste sorte che faranno questi pesci rossi dopo che le vaste pozzanghere si prosciugheranno, la vera domanda è come giustificare la presenza invadente di questa specie che ha letteralmente invaso le zone del Parco naturale regionale Litorale di Ugento. 

Danni irreparabili al nostro territorio

Come non pensare inoltre che una presenza così vasta di una specie totalmente estranea ai nostri territori, non possa non aver già danneggiato irreparabilmente l'equilibrio autoctono di un intero ambiente palustre?

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.