Per fare cosa le tartarughe Caretta caretta scelgono il Salento?

La Caretta caretta, pur essendo la tartaruga marina più comune del Mar Mediterraneo, è al limite dell’estinzione nelle acque italiane

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:13
L'incontro del campione di apnea Michele Giurgola con una tartaruga Caretta caretta

Il Salento si conferma luogo ideale per le tartarughe marine Caretta caretta per deporre le uova. In queste ore, le tartarughe hanno nidificato sulle spiagge di Porto Cesareo, in provincia di Lecce. Si tratta del primo avvistamento dell’anno sulle coste del Salento – che comprende l’intera provincia di Lecce, gran parte di quella di Brindisi e la parte orientale di quella di Taranto – e in generale in tutto il Mar Jonio.

La scoperta del nido della tartaruga Caretta caretta

La bella scoperta è avvenuta questa mattina quando il gestore di un lido balneare “Le Dune” di Porto Cesareo si è accorto della presenza di un nido posto tra il lido e la spiaggia libera. L’esercente ha immediatamente contattato la Guardia Costiera e sul posto sono giunti gli operatori dell’Amp (Aree marine protette) e dell’Ufficio locale marittimo. Gli operatori dell’Amp hanno messo le uova di tartaruga marina in sicurezza prima dell’arrivo dei bagnati. Questo, per evitare che inavvertitamente qualcuno potesse calpestare il nido distruggendolo. Infine, gli operatori hanno installato un sistema di videosorveglianza per evitare manomissioni e furti.

Il commento

Il ritrovamento del nido di tartarughe Caretta caretta è una notizia accolta con molta felicità da parte di Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” poiché il Salento e la Puglia stanno diventando un ambiente privilegiato per la nidificazione delle Caretta caretta. “Invitiamo – scrive D’Agata – i bagnanti a fare attenzione quando si recano in spiaggia e a segnalare la presenza di ogni eventuale nidificazione. La Caretta caretta, pur essendo la tartaruga marina più comune del Mar Mediterraneo, è fortemente minacciata. E’ al limite dell’estinzione nelle acque italiane. Chi dovesse trovare nidi di tartaruga marina lungo le spiagge può chiamare la Guardia Costiera al numero 1530 o in alternativa avvisare il 112″. Ecco il video dell’incontro del campione mondiale di apnea, Michele Giurgola, con una maxi esemplare di Caretta caretta.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.