Scoperta una nuova cometa: ecco quando saluterà la Terra

Gli astronomi della Penn State University impegnati in uno studio di pregevole importanza hanno scoperto che, nel 2031, una cometa si avvicinerà alla Terra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:23

Nei giorni scorsi, i ricercatori della Penn State University – ossia la Pennsylvania State University, ateneo fondato nel 1855 -sulla base delle immagini raccolte dagli astronomi li impiegati ed alle immagini immortalate dal telescopio cileno della Dark Energy Survey tra il 2014 e il 2018, hanno scoperto che, nel Sistema Solare c’è una cometa gigante denominata Bernardinelli – Bernstein 2014 UN271 la quale ha un diametro stimato di circa 100 km e potrebbe superare la cometa Hale – Bopp in termini di grandezza più oltre il doppio.

La nuova cometa si avvicinerà alla Terra nel 2031

Secondo le previsioni sviluppati dagli esperti, tale cometa rimarrà all’esterno dell’orbita di Saturno e di conseguenza sarà troppo lontana per essere osservata ad occhio nudo ma, essa raggiungerà il punto più vicino alla Terra nel 2031. La scoperta di questa nuova cometa ha un valore scientifico molto interessante in quanto, la stessa, possiede un’orbita estremamente allungata che si staglia dai dintorni di Saturno ad una distanza di quasi un anno luce fino ai pressi della cosiddetta nube di Oort, luogo spaziale famoso per gli asteroidi e le comete agli estremi confini del Sistema Solare.

Diversi aspetti rilevanti dal punto di vista scientifico

In seconda istanza, la stessa, riveste notevole interesse in quanto, pur essendo troppo lontana dalla Terra per essere visibile a occhio nudo, avrà un grado di luminosità simile a Caronte – anche detto Pluto I -, il più massiccio dei cinque satelliti naturali del pianeta nano Plutone ed, oltre a ciò, siccome la stessa si sta avvicinando al Sistema Solare, potrà essere studiata per un decennio dagli astronomi e contribuire all’approfondimento delle conoscenze per quanto concerne lo spazio e le conseguenti implicazioni, in termini di innovative scoperte scientifiche, per quanto concerne la vita concreta di tutti noi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.