La mappa “in rosso” dell’Italia in Pandemia. La Sardegna torna arancione

Da lunedì 22 marzo, la Sardegna torna arancione, secondo la nuova ordinanza del ministro della Salute. Il Molise passa da rosso ad arancione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:44
La mappa dell'Italia da lunedì 22 marzo

Dalla mappa dell’Italia della pandemia, dominata dal rosso, scompare l’unica Regione bianca: la Sardegna.

Sardegna arancione

Da lunedì 22 marzo infatti, la Sardegna diventa arancione, secondo la nuova ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza, basata sulle indicazioni della cabina di regia. Era l’unica Regione italiana ad essere entrata in zona bianca, dallo scorso 1 marzo fino a domenica 21 marzo. Resta rossa la Campania e il Molise è l’unica regione a lasciare il rosso per l’arancione.

Il monitoraggio settimanale Iss

In questa Italia a tinte scure è in deciso aumento l’incidenza delle infezioni da virus SarsCoV2, mentre l’indice di contagio Rt rimane stabile all’1,6, secondo i dati del monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) relativi al periodo compreso fra il 12 e il 18 marzo, riportati da Rai News.

Regioni con Rt sopra a 1

A livello locale, sono le 16 regioni e province autonome nelle quali l’indice Rt supera 1; in Campania raggiunge 1,5, mentre in Piemonte e Friuli Venezia Giulia è 1,25. Sempre fra le regioni, il monitoraggio indica che si continua a osservare un livello generale di rischio alto: sono ancora dieci, come nella settimana precedente, le regioni classificate nella categoria di rischio alto e 11 in quella di rischio moderato. Di queste, sette hanno un’alta probabilità di passare alla fascia di rischio alto nelle prossime settimane.

Il peso delle varianti

Una situazione sulla quale pesa la circolazione delle varianti, particolarmente contagiose. “Bisogna mantenere – spiega Iss -rigorose misure di mitigazione nazionali”, ridurre “interazioni fisiche” e “mobilità” ed evitare in genere tutti i contatti non necessari fuori dalla propria abitazione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.