Ultras arrestato fa il nome dell'ispiratore del blitz

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:56

Novità dagli interrogatori in corso dei tre ultras dell'Inter arrestati per gli scontri avvenuti poco prima del match contro il Napoli: uno degli arrestati avrebbe fatto il nome di uno degli ispiratori del blitz contro i tifosi napoletani dello scorso 26 dicembre. L'uomo indicato sarebbe uno dei capi della curva interista, a quanto emerge dalle prime indiscrezioni. Questa circostanza ha comportato la rinuncia del mandato da parte del suo avvocato: quest'ultimo, infatti, sarebbe anche il legale di fiducia dell'ultras indicato come ispiratore dell'azione violenta.

Interrogatorio

Negli interrogatori sarebbero emerse ricostruzioni diverse sull'investimento di Daniele Belardinelli: il suv, infatti, sarebbe stato diretto verso lo stadio e non in uscita dal capoluogo meneghino come si pensava in un primo momento. Gli inquirenti stanno vagliando le immagini registrate da una telecamera di sorveglianza che ha ripreso la vettura scura in movimento.

Daspo

 

Per i fatti avvenuti, oltre ai tre arresti, la questura ha emesso sette misure di Daspo per altrettanti tifosi che saranno impossibilitati ad entrare in uno stadio anche per partite di competizioni internazionali. Gli assalitori sono di nazionalità italiana, di età fra i 18 e i 48 anni. La maggior parte di loro aveva già precedenti penali e risultava avere già subito un procedimento di diffida. Solo uno, ventunenne, è incensurato agli occhi della giustizia.

Chi era Daniele Belardinelli

Daniele Belardinelli è il nome del tifoso che ha perso la vita a seguito degli scontri del 26 dicembre. Era un supporter del Varese, lascia una moglie e due figli. Oggi lo ha ricordato suo padre ai microfoni di Tg1 e Mediaset: “Attendiamo i risultati dell'autopsia per capire cosa sia effettivamente successo – ha detto Belardinelli senior – Si dice che lui scappava e la vettura gli è andata dietro e lo ha investito. Magari è stato un incidente. Io non dico che ce l'avevano con lui. Certo è che uno va a vedere una partita in santa pace, ma non sa se torna”

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.