Strangola i figli e si uccide. L’sms alla moglie: “Non li rivedrai più”

La madre si sarebbe precipitata nell'appartamento dopo aver ricevuto una email nella quale il marito le comunicava che non avrebbe più rivisto i suoi figli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:20
Mario Bressi con i figli

Tragedia familiare  a Margno, nel Leccese. Un padre Mario Bressi, 45 anni, ha prima ucciso i suoi due figli, un maschio e una femmina di 12 anni, e poi si è suicidato. I due ragazzini sono stati trovati dalla madre, Daniela Fumagalli, che ha allertato i soccorsi, ma inutilmente: al suo arrivo i ragazzi erano già morti strangolati. La donna, una 45enne, si sarebbe precipitata sul posto da Gorgonzola, dove risiede, dopo aver ricevuto una email nella quale il marito – con il quale si stava separando – le comunicava che non avrebbe più visto i suoi figli.

Il gesto estremo

Sul luogo della tragedia sono intervenuti i carabinieri del comando provinciale di Lecco e della stazione territoriale che stanno effettuando le indagini per stabilire quanto precisamente accaduto. La famiglia sarebbe originaria del Milanese, ma possiede una casa di villeggiatura a Margno, piccolo comune turistico in provincia di Lecco. Proprio nell’appartamento – un caseggiato nei pressi del piazzale della funivia della Valsassina – sarebbe accaduta la tragedia. Alla base del folle gesto sembra ci sia la difficile separazione che i due coniugi stavano vivendo. Mezz’ora dopo il duplice omicidio, avvenuto stamattina intono alle 9:00, un uomo si è suicidato gettandosi dal Ponte della Vittoria di Cremeno. Dalle successive indagini si è scoperto che la vittima è proprio Mario Bressi, il padre dei due bambini morti.

Il luogo del duplice omicidio

L’ultimo post

L’uomo, che non era attivo sui social dal primo gennaio, ha postato ieri notte intorno alle 3:00 una foto che ritraeva lui e i ragazzi felici in montagna con a corredo la frase: “Coi miei ragazzi sempre insieme“. “Cosa ha fatto? Cosa ha fatto?”, ha invece detto tra le lacrime la mamma Daniela abbracciando alcuni amici che l’hanno raggiunta alla caserma dei carabinieri di Casargo per starle vicino.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.