Coronavirus, tutte le nuove regole per viaggiare in aereo

Tra le novità, è vietato portare il bagaglio a mano sull’aereo al fine di evitare gli assembramenti nel corridoio del velivolo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:47
Un Airbus A380

Andare in vacanze in aereo è sempre più complesso. Non solo le compagnie non hanno riattivato tutte le tratte, ma da venerdì in Italia è vietato portare il bagaglio a mano sull’aereo al fine di contrastare la diffusione dell’epidemia di coronavirus e gli assembramenti all’entrata. L’annuncio è stata data alle compagnie con una nota dell’Enac, l’ente nazionale per l’aviazione civile. Da ora in poi, dunque, i bagagli di piccole dimensioni potranno essere posizionati sotto il sedile di fronte al posto assegnato ma non sarà consentito l’utilizzo delle cappelliere. In pratica, i passeggeri dovranno obbligatoriamente mandare i trolley in stiva.

Tutte le regole

Ma le regole che dovranno essere rispettate per chi vuole viaggiare in aereo non sono finite. Altra novità riguarda infatti l’immancabile misurazione della temperatura corporea che dovrà essere effettuata prima dell’accesso al velivolo. se supera i 37,5°, il passeggero dovrà restare a terra. Richiesta anche l’autocertificazione che attesti di non aver avuto contatti stretti con persone affette da Covid-19 nei due giorni prima dell’imbarco. Il viaggiatore dovrà anche comunicare al vettore e alla Autorità sanitaria territoriale competente l’eventuale insorgenza di sintomatologia legata al Covid 19 comparsa entro 8 giorni dallo sbarco dall’aeromobile. Infine, l’igienizzazione degli aeromobili rende sufficiente l’obbligo delle sole mascherine e non il distanziamento di un metro per prevenire il rischio di contagio da Covid-19.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.