Ilaria Cucchi: “Un memorial diffuso per ricordare Stefano”

Cucchi: "Il 1° ottobre chiediamo un gesto semplice: piantare un fiore, un segno di vita in ricordo nel giorno del compleanno di Stefano"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:15
Ilaria e Stefano Cucchi in una foto di qualche anno fa

“Vogliamo proporvi di dare vita a un Memorial diffuso che abbia al centro i diritti negati e i diritti da affermare. Una vera e propria Maratona degli Affetti che, insieme a voi che ci siete stati vicini, percorra le date che hanno segnato la storia di Stefano: il primo ottobre, compleanno di Stefano, il 15 ottobre, data del suo arresto e il 22, giorno della sua morte”. Così Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, in una nota del Comitato Promotore Memorial Stefano Cucchi e dell’Associazione Stefano Cucchi.

Il memorial

“Il Memorial – aggiunge – inizierà proprio il primo ottobre e vogliamo per quel giorno chiedere a ognuno un gesto semplice di vita: piantare un fiore, un albero, un segno di vita in suo ricordo nel giorno del suo compleanno. Ringraziamo le reti di associazioni e movimenti che ancora una volta sono con noi. In questi giorni, anche alla luce delle brutalità emerse tra le mura del carcere di Santa Maria Capua a Vetere, è evidente che le ragioni della nostra mobilitazione civile sono più che mai vive”.

Le date

Le celebrazioni di piantumazione in memoria di Stefano Cucchi avverranno domani, giovedì 1 ottobre, nei Municipi I-II-III-VIII. Il 2 ottobre ci sarà lo spettacolo organizzato dall’Associazione Culturale Colibrì ‘Non mi uccise la morte. Stefano Cucchi e il buio della giustizia’ di F. Novelli e L. Nicolini, alle ore 21 al Teatro Mongiovino, via Giovanni Genocchi 15, Garbatella. Il 18 ottobre si svolgerà la staffetta dei diritti, con 11 tappe a rappresentare 11 diritti negati, 11 battaglie di civiltà (terminerà in Parlamento e toccherà 11 luoghi simbolici nella città di Roma). E per finire il 22 ottobre si terrà una cerimonia nel giorno della sua morte, conclude la nota.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.