Francia: strage familiare a Parigi, 5 morti tra cui 4 bimbi

Altri 3 adulti sono gravemente feriti. Fra questi anche il presunto autore della strage che sarebbe originario dello Sri Lanka

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:31
Polizia francese (immagine di repertorio)

Tragedia familiare nella banlieue di Parigi: 5 persone, fra cui 4 bambini, sono state ritrovate morte oggi in una villetta di Noisy-le-Sec, nella Seine-Saint-Denis. La quinta vittima è una donna.

Lo ha reso noto la procura. Altri 3 adulti sono gravemente feriti. Fra questi – riporta Ansa – anche il presunto autore della strage. Leggermente feriti due adolescenti.

Lite familiare

Fonti della polizia parlando di lite familiare in “circostanze da determinare”. L’autore sarebbe originario dello Sri Lanka. Secondo BFM-TV, che ha ricostruito la vicenda, un giovane insanguinato è entrato in un bar del quartiere per chiedere aiuto.

Ha detto al gestore che un suo zio era “impazzito” e che aveva aggredito tutta la famiglia “con un coltello e un martello”. La polizia si è precipitata sul posto ed ha ritrovato una scena che ha lasciato “in stato di shock anche gli agenti”, secondo le testimonianze raccolte dall’inviato della tv sul posto.

Morti e feriti

All’interno della villetta, i poliziotti hanno trovato, oltre ai 5 morti, tutti gli altri membri della famiglia feriti sanguinanti a terra e privi di senso. Tre di loro sono in codice rosso, altri sarebbero meno gravi.

Il presunto colpevole, lo zio della famiglia, è stato rinvenuto vivo ma in coma, con un coltello e un martello a fianco. È stato portato in codice rosso all’ospedale parigino di Beaujon. Secondo fonti della polizia, i tre minori presenti in casa sono tra le vittime.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.