California devastata dagli incendi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:23

E'salito in modo esponenziale il bilancio delle vittime in California, dove una serie di incendi hanno letteralmente devastato la zona costiera: almeno 25 persone sono rimaste uccise dalle fiamme, molte delle quali nella zona attorno alla città di Los Angeles. I dispersi, invece, sarebbero oltre 100. Al momento sono circa 2.200 i pompieri impegnati sul territorio per cercare di estinguere il fronte del fuoco, coadiuvati da un centinaio di uomini della Guardia nazionale. Una decina di corpi carbonizzati sono stati ritrovati nella cittadina di Paradise, comprensiva di 27 mila abitanti e completamente devastata dalle fiamme. I corpi di altre 4 vittime sono state recuperati nella città di Concow, altri due a Malibù, dove anche le ville delle star sono state minacciate dal fuoco ed evacuate dai loro proprietari: “La distruzione è catastrofica – ha scritto in un tweet il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump -. Gli incendi si sviluppano molto rapidamente, in alcuni casi anche 100 acri al minuto. I cittadini devono evacuare in fretta, eseguendo gli ordini dei pubblici ufficiali”.

Sei roghi in corso

Nel frattempo, uomini e mezzi continuano ad adoperarsi per tentare di arginare l'incendio, il quale prosegue a svilupparsi in modo rapido e piuttosto imprevedibile, complicando non poco il lavoro dei Vigili del fuoco: al momeno sono almeno sei i roghi, tutti in zone diverse e tutti di grossa intensità. Le autorità hanno sospeso le lezioni all'Università id Papperdine, mentre alcuni serbatoi di gas nelle varie abitazioni sono saltati in aria dopo essere stati investiti dalle fiamme, generando panico fra i fuggitivi i quali hanno definito le esplosioni paragonabili a quelle di bombe. Gli esperti hanno parlato di un incendio senza precedenti nella storia della California, provocato probabilmente dagli effetti dei cambiamenti climatici che hanno portato una anomala siccità nello Stato degli Usa.

Le fiamme hanno letteralmente mandato in fumo interi ettari di boschi (provocando incalcolabili danni all'ecosistema), bruciato case e isolato intere contee. In molti sono ancora bloccati nelle zone più interne della regione, impossibilitati a lasciare le aree degli incendi e non ancora raggiunti dai soccorsi, i quali stanno incontrando a loro volta grosse difficoltà.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.