Blitz contro il favoreggiamento dell'immigrazione clandestina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:36

Nuova operazione contro il favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. La polizia sta eseguendo a Ventimiglia delle ordinanze di custodia cautelare nei confronti di diversi cittadini del Bangladesh accusati di appartenere a una organizzazione criminale, operante al confine tra Italia e Francia ma con ramificazioni anche a Torino e Milano, dedita all'immigrazione clandestina.

Si tratta della seconda operazione in poche ore, dopo quella contro il favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, avvenuta ieri ad Alassio, in provincia di Savona. Il sodalizio criminale era composto da 4 cittadini bengalesi, tutti arrestati, che favorivano l’immigrazione clandestina in Italia dalla Libia. La mente era un commerciante bengalese, che si faceva pagare 6.000 euro dai suoi connazionali per raggiungere via mare le coste italiane. Qui, i nuovi arrivati ottenevano un permesso di soggiorno per motivi umanitari e raggiungevano la Liguria. Ad Alassio, i migranti erano obbligati a lavorare nelle attività dell’indagato e a prendere in affitto un posto letto presso una delle sue numerose abitazioni che lo stesso aveva in locazione, a tariffe tutt'altro che amichevoli. I migranti che provavano a ribellarsi venivano minacciati e picchiati. Le indagini dei carabinieri erano infatti scattate proprio in seguito alla denuncia di un bengalese stanco dei soprusi subiti. Oggi, il nuovo blitz.

Il tweet di Salvini

Intanto, sempre sul tema dei migranti, in un tweet il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha scritto: “Prossimo obiettivo: taglio dei 35 euro al giorno. Risparmiamo un miliardo di euro e lo usiamo per nuove assunzioni nelle forze dell'ordine. Meno soldi per i furbetti dell'accoglienza, più sicurezza per i cittadini”.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.