XXVIII Incontro Internazionale Uomini e Religioni: 300 “big” ad Anversa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:04

Saranno oltre trecento i leader delle grandi religioni mondiali che si incontreranno, da domenica 7 a martedì 9 settembre nella città belga di Anversa, e l’evento in cui si riuniranno è il XXVIII Incontro Internazionale Uomini e Religioni promosso dalla Comunità di Sant’Egidio. Tema della serata sarà “La pace è il futuro: religioni e culture in dialogo cento anni dopo la prima guerra mondiale”. “La scelta della località – spiegano i promotori dell’evento –  nel tragico anniversario di un conflitto che ha insanguinato l’intera Europa, risponde all’esigenza di portare lo ‘spirito di Assisi’ nel mondo di oggi, senza smarrire la memoria della storia ma anche senza rinunciare all’impegno nel presente, che ci chiede di ‘conservare accesa la lampada della speranza, pregando e lavorando per la pace’, come disse papa Francesco ricevendo in udienza i partecipanti all’Incontro di Roma il 30 settembre 2013”.

L’incontro di quest’anno si svolgerà su un teatro mondiale i cui attori, in Medioriente, Europa dell’Est e Africa Settentrionale sono coinvolti in scontri armati e sanguinosi, in tremendi drammi umanitari che provocano flussi incessanti di rifugiati, minacciando la sicurezza dell’Europa e di tutto l’Occidente. E Sant’Egidio, sulla base del panorama geopolitico e umanitario attuale, afferma che “L’anniversario della prima Guerra Mondiale invita tutti a riflettere sull’inutilità dei conflitti e ad impegnarsi nella costruzione di una pace stabile e duratura”.

La cerimonia di apertura si terrà il pomeriggio di domenica 7 settembre allo Stadsschouwburg di Anversa, e a prendere la parola saranno in molti: il vescovo di Anversa mons. Johan Bonny, il fondatore della Comunità Andrea Riccardi, il presidente del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy, lo scrittore polacco Zygmunt Bauman, il patriarca siro-ortodosso di Antiochia Ignatius Aphrem II e il Gran Mufti della Repubblica araba d’Egitto Shawki Ibrahim Abdel-Karim Allam. Porterà inoltre la sua testimonianza la parlamentare irachena Vian Dakheel, rappresentante della comunità yazida perseguitata dal califfato. Sono poi in programma 25 tavole rotonde che vedranno la partecipazione di leader religiosi e rappresentanti del mondo politico, culturale, socio-economico di paesi come l’Iraq, la Siria, il Kurdistan, la Nigeria, l’Ucraina, le Filippine.

Dall’Iraq, in particolare, sarà opspite il patriarca di Babilonia dei Caldei Louis Raphael I Sako, Anwar Hadaya, del consiglio provinciale di Ninive, Kamal Muslim, ministro per gli Affari Religiosi del Kurdistan; dalla Siria l’arcivescovo Dionysius Jean Kawak; dal Pakistan il presidente dell’alleanza di tutte le minoranze del paese Paul Bhatti e il membro della Corte Suprema Mohammad Khalid Masud; dall’Iran il Presidente dell’Istituto per il dialogo interreligioso Sayyed Mohammad Ali Abtahi; dalla Nigeria il Cardinale John Olorunfemi Onaiyekan, arcivescovo di Abuja, l’arcivescovo Ignatius Ayau Kaigama, l’emiro Mohamed Sambo Haruna, il pastore James Wuye; dall’Ucraina il vescovo Nikolaj, dalla Russia il metropolita Pavel del Patriarcato di Mosca. L’Incontro Internazionale si concluderà martedì 9 con una Preghiera per la Pace in luoghi diversi secondo le diverse religioni presenti, una processione e la proclamazione sulla “Grote Markt” dell’Appello di Pace 2014. Interverrà, in fine,  il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.