In Tajikistan l’asilo della Caritas nel carcere femminile

La Chiesa avvia un asilo in carcere per i bambini delle donne detenute

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
libertà

Tajikistan, l’impegno della Caritas per i figli delle detenute. L’asilo del carcere femminile accoglie una ventina di bambini. L’età dei piccoli va da zero a tre anni. Alcuni bimbi, infatti, nascono in carcere.Tajikistan

Chiesa in Tajikistan

Prendersi cura dei bambini di donne detenute. E’ l’impegno della Chiesa del Tajikistan, riferisce l’agenzia missionaria vaticana “Fides”. Un’opera sociale svolta nell’ambito della pastorale carceraria. Attraverso la Caritas, braccio della Chiesa a sostegno degli ultimi. E con l’aiuto della rete delle Pontificie Opere Missionarie (POM). La Chiesa locale ha preso in carico la cura di un asilo all’interno di un istituto penitenziario. Nel distretto di Norak.

Prevenzione

Il sacerdote Yormahmad Kholov è il direttore nazionale di Caritas Tajikistan. “Il motivo principale che ci ha portato ad entrare nelle carceri è stato un progetto di prevenzione e cura della tubercolosi. Molto diffusa tra i detenuti in tutto il Paese- racconta padre Kholov-. Conoscere questo mondo ha dato origine a molte idee progettuali. Fondate sui bisogni reali. Osservati nelle interazioni quotidiane. Sarebbe stato impossibile, quindi, ignorare la realtà particolare della divisione femminile“. Il progetto dell’asilo è stato finanziato grazie a una raccolta fondi sostenuta dal crowdfunding di “Missio Usa”. La direzione nazionale delle POM negli Stati Uniti.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.