Sarà presente la statua della Madonna di Fatima

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:05

Per la prima volta dal 2000, la storica statua della Madonna di Fatima, quella creata seguendo le indicazioni di suor Lucia e incoronata dall'arcivescovo di Evora, venerata da ottanta anni nel santuario portoghese e in varie preregrinazioni, lascerà – anche se per breve tempo – il suo santuario e sarà presente alla Giornata mondiale della gioventù che si terrà a Panama dal 22 al 27 gennaio 2019. La notizia, rilanciata dal Sir, è stata data ieri nel corso di una conferenza stampa, dall'arcivescovo di Panama, monsignor José Domingo Ulloa Mendieta

Le motivazioni

La rettoria del Santuario aveva deciso che l'immagine sarebbe rimasta a Fatima, dopo aver peregrinato per 64 Paesi. L'eccezione che conferma la regola è rappresentata proprio dalla Gmg di Panama, alla quale parteciperà anche Papa Francesco. In un video, diffuso durante la conferenza stampa, padre Carlo Cabecinhas, rettore del Santuario, ha spiegato che la decisione è stata presa per due motivi. Primo, l'importanza dell'evento mondiale, soprattutto in rapporto a San Giovanni Paolo II, ideatore della Gmg, la cui devozione per la Vergine di Fatima è nota. Secondo, la profonda devozione dei fedeli di Panama

L'arrivo a Panama

La statua della Vergine arriverà a Panama il 21 Gennaio alle 17.15 e rimarrà nella città fino a martedì 29 gennaio. Durante la sua permanenza a Panama sarà inizialmente custodita nella chiesa di Lourdes, per poi essere portata, a partire da martedì 22 gennaio, nel Parque del Perdón, nella cappella del Santissimo, vegliata dalle suore di Madre Teresa. Nel parco si svolgeranno vari momenti legati al programma della Gmg, a partire dalla messa iniziale di martedì. L’immagine sarà poi presente il sabato e la domenica alla veglia (durante la quale sarà recitato il Rosario) e alla messa finale di domenica 27 gennaio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.