Fake news, Trump contro Google

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:00

E'ancora Trump vs fake news. E stavolta il presidente degli Stati Uniti punta il dito contro il motore di ricerca Google che, a suo giudizio, sarebbe truccato in quanto al suo nome sarebbero connesse, tramite digitazione, esclusivamente delle false notizie. Un'accusa che il Tycoon lancia attraverso una serie di tweet, nei quali spiega che, in questo modo, “quasi tutte le storie e le notizie sono cattive. La Cnn è prominente. I repubblicani/conservatori ed i media imparziali sono esclusi. Illegale?”. Per Trump non è un caso: il presidente ha infatti spiegato che “il 96% dei risultati per Trump News provengono dai media nazionali di sinistra” e questo è “molto pericoloso”. E l'inquilino della Casa Bianca insiste: “Google e altri stanno sopprimendo le voci dei conservatori e nascondendo le informazioni e le notizie buone”.

 

#show_tweet2#

 

Al momento non è chiaro quale sia stata la notizia ad aver scatenato le ire di Trump e la sua indagine sul tema ma, secondo alcune testate come il 'Guardian', è probabile che si riferisca a una notizia virale pubblicata sabato dal sito web PJ Media, nella quale veniva specificato che la stragrande maggioranza dei risultati di Google News per il presidente provenivano da media di sinistra. A ogni modo, Google non rivela il suo algoritmo e, per questo, i risultati di Google news variano in modo non sistematico, basandosi su una grandissima quantità di segnali in fasi di classificazione delle notizie, prediligendo i siti web con la maggior popolarità. Resta il fatto che, come ha promesso Donald Trump, la questione “verrà affrontata” dall'amministrazione repubblicana e segna la nascita di un nuovo terreno di scontro tra il presidente e l'opposizione.

 

#show_tweet#

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.