“Prego ogni giorno per quanti soffrono in Iraq”. Post del Papa con due bimbi profughi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:37

“Prego ogni giorno per quanti soffrono in Iraq. Pregate con me”. E’ il nuovo tweet, lanciato da Papa Francesco, accompagnato da una foto della Caritas statunitense – Catholic Relief Service – in cui si vedono due bambini iracheni a piedi nudi in un campo di fortuna situato sotto un ponte. Per la prima volta il Santo Padre, dal suo account @pontifex, ha scritto un tweet con una foto allegata.

Intanto il direttore della Sala stampa vaticana padre Federico Lombardi fa sapere, tramite una nota, che ieri, 4 settembre, si è riunito il Consiglio per l’Economia. All’ordine del giorno “l’esame degli Statuti della Segreteria per l’Economia e dell’Auditor General, come pure una relazione sul trasferimento della Sezione Ordinaria dell’APSA alla Segreteria per l’Economia, e sulle indicazioni agli organismi vaticani in materia di preparazione dei budget e rendicontazione”. A presiedere i lavori il presidente cardinale R. Marx, i cardinali P. Parolin, segretario di Stato, e G. Pell, prefetto della Segreteria per l’economia. “Fra i membri precedentemente nominati – continua padre Lombardi – erano assenti il card. Cipriani Thorne, per gravi impegni concomitanti, e il dr. Jean-Baptiste de Franssu, che ha presentato le sue dimissioni in seguito alla sua nomina a Presidente dell’Istituto per le Opere di Religione, e che quindi sarà sostituito”.

Le prossime riunioni del Consiglio per l’Economia sono in programma il 2 dicembre 2014 e il 6 febbraio 2015. E’ prevedibile che con tali riunioni si completi l’opera di definizione degli Statuti dei principali organismi economico-amministrativi, ossia Consiglio, Segreteria, Auditor General.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.