Il Papa è partito per il Kazakistan. Il telegramma a Mattarella

E' iniziato stamattina il 38esimo viaggio apostolico di Papa Francesco. Destinazione: Kazakistan, il cuore dell'Eurasia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:38
Chiesa
Il Papa in viaggio per il Kazakistan (Fonte: Vatican News)

“Nel momento in cui mi accingo a lasciare il suolo d’Italia per compiere un viaggio apostolico in Kazakhstan per prendere parte al Congresso dei Leader delle religioni mondiali e incontrare la popolazione e la comunità cattolica, desidero rivolgere a Lei signor Presidente e a tutti gli italiani il mio cordiale saluto, che accompagno con auspici di serenità e di concordia, unito alla preghiera a Dio per il bene e il progresso di tutta la Nazione”. Lo afferma papa Francesco nel telegramma di saluto inviato al presidente della Repubblica Sergio Mattarella al momento della partenza per il Kazakhstan.

Il 38esimo viaggio papale

E’ iniziato stamattina con l’arrivo a Fiumicino il 38esimo viaggio apostolico di Papa Francesco. Destinazione: Kazakistan, il cuore dell’Eurasia. Il Papa l’ha definito il viaggio della pace: ‘Vengo come pellegrino di pace, il mondo ne è assetato’, ha detto spiegando il nocciolo della sua missione che durerà tre giorni.

Papa Francesco è arrivato all’aeroporto romano stamattina poco prima delle 7:00. A salutare sottobordo il Santo Padre, l’a.d di ITA Airways, Fabio Maria Lazzerini con il Chief Commercial Officer Emiliana Limosani; autorità civili aeroportuali e di Polizia e due carabinieri schierati in alta uniforme.

Giunto in auto al Leonardo da Vinci poco prima delle 7 scortato dalla sicurezza vaticana e dalla Polizia, il Papa, dopo aver salutato i presenti, con l’ausilio di un elevatore elettrico messo a disposizione da Adr, ha quindi raggiunto in sedia a rotelle il portellone di ingresso dell’aereo, dove ad attenderlo c’era il personale di bordo, per poi imbarcarsi.

Ad accompagnare Francesco nel suo viaggio apostolico in aereo in Kazakistan, un equipaggio di 12 persone composto da 3 piloti e 9 assistenti di volo. Supervisore delle attività di bordo, il comandante; Massimiliano Marselli con 18.000 ore di volo di esperienza. Presente a bordo anche il team ITA Airways dedicato ai voli speciali.

Al momento, il Papa è in volo per il Kazakistan. L’Airbus A330 di ITA Airways, intitolato a Marco Pantani, è decollato alle 7.36 dall’aeroporto di Fiumicino. L’arrivo all’aeroporto internazionale di Nursultan Nazarbayev, è previsto per le 17.45 ora locale.
Circa 6.30 le ore di volo, durante le quali l’Airbus sorvolerà Italia, Croazia, Bosnia-Erzegovina, Serbia, Montenegro, Bulgaria, Turchia, Georgia, Azerbaigian. Nel momento di lasciare l’Italia, il Papa ha inviato il consueto telegramma al presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella.

Il programma

L’atterraggio è previsto alle 17.45, quando in Italia saranno le 13:45. Francesco sarà accolto con una cerimonia ufficiale nel Paese asiatico guidato da Kassym- Jomart K. Tokayev. E sarà proprio il presidente, in carica dal 2019, ad accogliere il Pontefice in aeroporto, dove non sono previsti discorsi ma un breve incontro nella Sala Vip.
Quindi, il trasferimento al Palazzo presidenziale, intorno alle 14.10 in Italia, le 18.10 kazake, per la cerimonia di benvenuto e la visita di cortesia. Il primo discorso ufficiale del Papa è atteso alla Qazaq Concert Hall, un centro per le arti e lo spettacolo, progettato da architetti italiani e concepito come un “fiore della steppa”.
Papa Francesco lo raggiungerà in auto, dal Palazzo presidenziale, e quando lì saranno le 19.30 circa, le 15.30 in Italia, prenderà la parola all’interno dell’Auditorium alla presenza delle Autorità, della società civile e del corpo diplomatico.
Al termine,  la conclusione della prima giornata con il trasferimento in Nunziatura, dove il Papa risiederà per tutti i tre giorni della sua permanenza a Nur-Sultan, ex terra russa poi cresciuta come uno dei più grandi progetti edilizi del mondo.
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.