Papa Francesco è atterrato in Canada, inizia il pellegrinaggio

Il Santo Padre è atterrato nella capitale dell'Alberta, domani i primi incontri con le popolazioni indigene

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:59
Papa Francesco Canada

Papa Francesco è atterrato all’aeroporto internazionale di Edmonton, nell’Alberta. Il Santo Padre è arrivato in Canada dopo più di 10 ore di volo, pronto per la prima tappa del suo importante “pellegrinaggio penitenziale” in terra canadese. Proprio nella capitale dello Stato dell’Alberta trascorrerà i primi due giorni della sua visita. Le ragioni della quale sono state più volte ribadite, anche durante il breve colloquio con i giornalisti presenti sul volo papale. Ai quali il Pontefice ha ricordato anche l’importanza della giornata che ha accompagnato il viaggio verso il Canada, quella dedicata ai nonni e agli anziani. Appena sceso dall’aereo, Francesco ha incontrato le autorità del Paese, fra cui il primo ministro Justin Trudeau e il governatore generale Mary Simon. Subito dopo, trasferimento al St. Joseph Seminary, soggiorno del Papa a Edmonton.

Le prime tappe di Francesco in Canada

Il vero e proprio viaggio apostolico (il 37esimo per il Pontefice) inizierà nella giornata di domani. Alle ore 10, a Maskwacis, è previsto l’incontro con le popolazioni autoctone, First Nations, Mètis e Inuit. Uno degli incontri più importanti fra quelli in programma, particolarmente atteso dal Papa che, di recente, aveva ricordato come il percorso di assimilazione culturale avesse profondamente leso ai popoli indigeni. Sempre nella giornata di domani, Papa Francesco si recherà alla chiesa del Sacro Cuore di Edmonton, dove incontrerà i membri della comunità parrocchiale e altri rappresentanti delle popolazioni autoctone. Incontri che sottolineano il tema portante del viaggio: “Marcher Ensamble – Walking together”. Camminare insieme, riportato nelle due lingue ufficiali del Canada (francese e inglese). Perché, come ribadito dal Pontefice, il cammino di perdono e riconciliazione dovrà essere fatto insieme.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.