Papa ad Atene a comunità cattolica: “I piccoli e i poveri cambiano la storia”

Il messaggio di Papa Francesco a vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose, seminaristi e catechisti cattolici riuniti nella cattedrale di San Dionigi di Atene

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:46

“A noi, come Chiesa, non è richiesto lo spirito della conquista e della vittoria, la magnificenza dei grandi numeri, lo splendore mondano. Tutto ciò è pericoloso. È la tentazione del trionfalismo. A noi è chiesto di prendere spunto dal granello di senape, che è infimo, ma umilmente e lentamente cresce”. Lo ha detto Papa Francesco a vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose, seminaristi e catechisti cattolici riuniti questo pomeriggio nella cattedrale di San Dionigi di Atene.

“Sono contento di incontrarvi in una terra che è un dono, un patrimonio dell’umanità sul quale sono state costruite le fondamenta dell’Occidente”, ha esordito il Santo Padre. “Siamo un po’ tutti figli e debitori del vostro Paese: senza la poesia, la letteratura, la filosofia e l’arte che si sono sviluppate qui, non potremmo conoscere tante sfaccettature dell’esistenza umana, né soddisfare molte domande interiori sulla vita, sull’amore, sul dolore e sulla morte. Nell’alveo di questo ricco patrimonio, qui agli inizi del cristianesimo è stato inaugurato un “laboratorio” per l’inculturazione della fede, gestito dalla sapienza di tanti Padri della Chiesa”.

Nel suo discorso il Papa ha preso spunto dall’apostolo Paolo che proprio qui, come raccontano gli Atti degli Apostoli, ad Atene, inizia a predicare nelle piazze ma alcuni filosofi iniziano a chiamarlo “ciarlatano: uno che inventa cose approfittando della buona fede di chi lo ascolta”. Paolo ad Atene, ha osservato il Papa, “era solo, in minoranza e con scarse probabilità di successo. Ma non si è lasciato vincere dallo scoraggiamento, non ha rinunciato alla missione. E non si è lasciato prendere dalla tentazione di lamentarsi. Ecco l’atteggiamento del vero apostolo: andare avanti con fiducia, preferendo l’inquietudine delle situazioni inattese all’abitudine e alla ripetizione. Paolo ha questo coraggio Il suo è il coraggio della fiducia: fiducia nella grandezza di Dio, che ama operare nella nostra piccolezza”.

“Cari fratelli e sorelle, abbiamo fiducia, perché l’essere Chiesa piccola ci rende segno eloquente del Vangelo, del Dio annunciato da Gesù che sceglie i piccoli e i poveri, che cambia la storia con le gesta semplici degli umili”.

“Allora, carissimi, vorrei dirvi: benedite la piccolezza e accoglietela. Vi dispone a confidare in Dio e in Dio solo. Essere minoritari – e nel mondo intero la Chiesa è minoritaria – non vuol dire essere insignificanti, ma percorrere la via aperta dal Signore, che è quella della piccolezza: della kenosis, dell’abbassamento, della condiscendenza”.

Francesco saluta i vescovi della Grecia. Fonte: Vatican News

Papa: “Elaboriamo la passione dell’insieme, la mistica della fraternità”

“Anche a noi oggi è richiesto l’atteggiamento dell’accoglienza, lo stile dell’ospitalità, un cuore animato dal desiderio di creare comunione tra le differenze umane, culturali, religiose. La sfida è elaborare la passione per l’insieme, che ci conduca – cattolici, ortodossi, fratelli e sorelle di altri credo, anche fratelli agnostici – ad ascoltarci reciprocamente, a sognare e lavorare insieme, a coltivare la “mistica” della fraternità”. È la “consegna” che Papa Francesco ha affidato alla comunità cattolica di Grecia.

Facendo riferimento all’apostolo Paolo, il Papa ha sottolineato l’atteggiamento della accoglienza. “È la disposizione interiore necessaria per l’evangelizzazione”, ha detto Francesco riportato dal Sir, “non voler occupare lo spazio e la vita dell’altro, ma seminare la buona notizia nel terreno della sua esistenza, imparando anzitutto ad accogliere e riconoscere i semi che Dio ha già posto nel suo cuore, prima del nostro arrivo. Ricordiamo: Dio precede sempre la nostra semina. Evangelizzare non è riempire un contenitore vuoto, è anzitutto portare alla luce quello che Dio ha già iniziato a compiere. Ed è questa la straordinaria pedagogia dimostrata dall’Apostolo davanti agli Ateniesi. Non dice loro ‘state sbagliando tutto’ oppure ‘adesso vi insegno la verità’, ma inizia con l’accogliere il loro spirito religioso. La storia passata – ha concluso il Papa – rimane ancora una ferita aperta sulla strada di questo dialogo accogliente, ma abbracciamo con coraggio la sfida di oggi!”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.