Padre Lombardi torna alla “Civiltà Cattolica”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:56

Padre Federico Lombardi, ex direttore della Sala Stampa della Santa Sede dal 2006 al 2006, tornerà a collaborare con la storica rivista dei gesuiti, La Civiltà Cattolica. E' stato don Antonio Spadaro, attuale direttore della più antica rivista italiana, ad annunciarlo sul suo profilo Twitter. Il fidato collaboratore di Papa Francesco ha salutato così il ritorno del suo confratello: “Ho la gioia di comunicare che è stato destinato a La Civiltà Cattolica p. Federico Lombardi, che tutti ben conoscete. Sarà superiore della comunità dei gesuiti e collaborerà alla missione della rivista per la quale ha lavorato dal ‘73 all’ ‘84″.

Il personaggio

Durante l'incarico svolto come portavoce del Vaticano, padre Lombardi ha avuto modo di lavorare a stretto contatto con Benedetto XVI e con Francesco poi. La vicinanza, in particolare, al pontefice tedesco ha fatto sì che Bergoglio lo scegliesse nel 2016 per presiedere la Fondazione Vaticana Benedetto XVI – Joseph Ratzinger prendendo il posto di monsignor Giuseppe A. Scotti. La Fondazione si occupa di promuovere a livello internazionale gli scritti ed il pensiero teologico di Ratzinger. Fino al 2016, padre Federico Lombardi, nipote del gesuita Riccardo noto come “il microfono di Dio” per la sua incessante attività di diffusione del Vangelo attraverso la radio nel Dopoguerra, era stato anche direttore dei programmi di Radio Vaticana.

Ritorno

Si tratta di un “ritorno a casa” per l'ex portavoce della Santa Sede che era stato collaboratore ed anche vicedirettore de La Civiltà Cattolica. Profondo conoscitore del sistema dei media vaticani, padre Lombardi è largamente stimato per la sua discrezione e per l'innata simpatia umana. Recentemente, proprio per un'edizione de La Civiltà Cattolica, ha firmato la prefazione ad un saggio sul tema del cristianesimo in Cina scritto dal direttore Antonio Spadaro e dal titolo “Nell'anima della Cina“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.