Nella diocesi di Milano riparte “Giovani creativi nella carità”

Pastorale Giovanile e Caritas Ambrosiana rinnovano l’invito alla collaborazione e al servizio alla carità in questo secondo momento di emergenza sanitaria

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
carità
Fonte: ANSA

Nuove leve al  servizio della carità. Concretamente ai giovani è chiesto di prendere contatto con la Caritas del proprio decanato. O della propria parrocchia. Per comprendere i bisogni della propria comunità. La disponibilità dei giovani, avverte la diocesi di Milano, può essere decisiva per non interrompere esperienze fondamentali. Come mense, empori solidali, distribuzione e consegna di pacchi alimentari. E ancora, centri di ascolto, telefonate solidali, visite a domicilio per la spesa alimentare o la farmacia, dormitori.

Carità
L’arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini, prega al cospetto della Madunina – Foto © Ansa

Carità verso gli ultimi

i giovani, mettendosi in prima fila, tuteleranno anche i volontari solitamente impegnati nei servizi per gli ultimi. Che spesso hanno più di 65 anni. E in questo momento sono particolarmente chiamati a stare in casa. Già durante i mesi critici di marzo, aprile e maggio i giovani erano stati chiamati a essere “creativi del bene“. E “scintille nella notte”. Per portare luce attingendo al grande fuoco del Risorto. Nella seconda ondata della pandemia, Pastorale Giovanile e Caritas Ambrosiana rinnovano un invito. Quello alla collaborazione e al servizio. Accogliendo gli appelli di papa Francesco e dell’arcivescovo di Milano, Mario Delpini. “Il destino e la sorte degli altri ci riguardano. Non si deve essere indifferenti di fronte ai bisogni dell’altro. E’ necessario essere compassionevoli“.Carità

Sos pandemia

Chi non ha riferimenti precisi sul proprio territorio può segnalare la disponibilità al servizio a [email protected] Chi lo desidera, inoltre, potrà condividere le proprie esperienze di volontariato attraverso immagini o foto. Da inviare alla Pastorale Giovanile – Servizio per i Giovani e l’Università (tel.371.4270581; [email protected]). O utilizzando l’hashtag #giovaninellacarità sui social.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.