Missioni, ecco perché “non possiamo tacere”

Con l’Ottobre missionario è stata avviata la campagna social di Missio Italia. Pillole di Vangelo che non possono essere taciute: l'esempio di Papa Francesco nel suo Messaggio per la Giornata Missionaria Mondiale 2021

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Missioni

Le missioni non possono tacere. “Testimoni e profeti” è lo slogan scelto da Missio Italia per la Giornata Missionaria Mondiale 2021. Il direttore di Missio, don Giuseppe Pizzoli, spiega a Fides la scelta di questo tema. “Completa il percorso triennale di formazione missionaria, pensato come sviluppo del Mese Missionario. L’obiettivo è annunciare il Regno di Dio che verrà e che è già germogliato in mezzo a noi“.

In pandemia

Aggiunge don Pizzoli all’agenzia missionaria vaticana: “Con il tema ‘Testimoni e Profeti’ siamo chiamati a guardare questo tempo che viviamo e la realtà che ci circonda con occhi di fiducia e di speranza. Nel mezzo della pandemia e delle crisi conseguenti, il Signore non ci ha mai abbandonato. E continua ad accompagnarci. Il Regno di Dio non è solo una promessa per il futuro. E’ già presente. Ne sappiamo leggere i segni. E, da autentici missionari, lo facciamo conoscere. Affinché sia una speranza rigeneratrice per tutti”.Missioni

Il ruolo delle missioni

La Direzione nazionale delle Pontificie Opere Missionarie ha preparato diversi sussidi. Per la riflessione. La preghiera. L’animazione dell’Ottobre missionario. E della Giornata Missionaria Mondiale. A servizio delle diocesi. Delle parrocchie. E di tutte le comunità cristiane. Con l’inizio dell’Ottobre missionario si è avviata la Campagna social “#nonpossiamotacere”. Ideata dalla Fondazione Missio insieme ai Centri missionari diocesani. Ogni giorno del mese, sui social network della Fondazione Missio e delle diocesi saranno condivise pillole di ciò che “non può essere taciuto”. Proprio come invita a fare Papa Francesco nel suo Messaggio per la Giornata Missionaria Mondiale 2021.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.