Honduras, accoglienza nelle parrocchie per i migranti haitiani

Proibito ai migranti haitiani prendere l’autobus o chiedere passaggi, la Chiesa li accoglie nelle comunità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Honduras

Sos migranti in Honduras. Monsignor José Antonio Canales Motiño è il vescovo di Danlì. Denuncia la mancanza di risposta delle autorità al problema dell’immigrazione da Haiti. Il presule, inoltre, chiede misericordia per gli haitiani. Fraternità. Gentilezza. Protezione dalle ingiustizie. Oltre a cibo e sostegni economici. La parrocchia redentorista di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso si trova a Trojes. E ha dato vita alla Pastorale dei Migranti o della Mobilità umana. “Così possiamo avere più risorse umana di solidarietà. Il direttore regionale della Salute offre assistenza. Sulle questioni sanitarie di cui i migranti hanno bisogno“, evidenzia il vescovo honduregno.honduras

Allarme in Honduras

In Honduras la Chiesa testimonia il Vangelo dell’accoglienza. E soccorre gli immigrati haitiani. “Noi accogliamo gli emigranti. Nei nostri templi. Nelle chiese delle nostre comunità. A Quebradas. Cifuentes. San José de Mata Guineo. Il mare di persone è incredibile. Quanto è triste che non possano viaggiare in autobus. O che non si possano portare in auto. Perché è proibito dal governo honduregno”. A descrivere all’agenzia vaticana Fides la situazione in Honduras è padre Eduardo Andrés Martínez, missionario redentorista.

honduras
Fonte Adnkronos

I redentoristi della missione sono in prima linea nel comune di Trojes. Dipartimento del Paraíso. I religiosi sono impegnati ad alleviare le sofferenze dei migranti haitiani. Che stanno attraversando grandi difficoltà. A tutti i livelli. Per raggiungere gli Stati Uniti. L’episcopato ha diffuso un video. Immagini che fanno molta impressione. Sulla strada per Trojes, tanta gente cammina verso Tegucigalpa. Il governo honduregno ha vietato di salire sui mezzi di trasporto. Costringendoli migliaia di persone a percorrere a piedi lunghe distanze. Molte sono donne incinte con i bambini in braccio.honduras

Migranti

Più di 3.000 immigrati stranieri sono stati arrestati in Honduras da gennaio a giugno 2021 per essere entrati illegalmente nel Paese con l’idea di raggiungere gli Stati Uniti. Afferma monsignor Canales: “Riguardo alle autorità, io mi vergogno. Quale honduregno non ha un parente che si è recato illegalmente negli Stati Uniti? E la sofferenza che subiscono i nostri fratelli? Il loro passaggio attraverso il Guatemala o il Messico? Perché ci comportiamo così con loro? Voglio pensare che la maggior parte degli honduregni non sia così. I migranti vogliono solo che il loro passaggio attraverso l’Honduras sia tranquillo. Non sono e non saranno un problema per noi”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.