Laudato sì e scout, webinar sulla strada di Francesco

Un progetto per la concreta attuazione dell'ecologia integrale lanciata da Papa Francesco. Sia sul versante della formazione, sia su quello del servizio concreto La cura del Creato e la sensibilizzazione sui temi della sostenibilità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
laudato

Laudato sì come orientamento per l’Europa. Ieri alle 21 si è svolto il webinar “Sulla strada della Laudato Sì. Insieme a Francesco“. Trasmesso sul canale Youtube del Masci. Un’iniziativa del Movimento adulti scout cattolici italiani.laudato

Laudato sì e formazione

Al webinar sono intervenuti due qualificati esponenti del Movimento cattolico mondiale per il clima. Cecilia Dall’Oglio, direttrice associata programmi europei. E Antonio Caschetto. Coordinatore programmi Italia e circoli Laudato Sì. Inoltre hanno partecipato adulti scout del Masci che hanno preso parte a eventi formativi sul tema. L’evento si inquadra in un complesso di iniziative che da tempo il Masci sta realizzando. Per la concreta attuazione dell’ecologia integrale. Lanciata da Papa Francesco. Sia sul versante della formazione. Sia su quello del servizio concreto. Rivolto alla cura del Creato. E alla sensibilizzazione sui temi della sostenibilità.laudato

Modello

“Francesco è l’esempio per eccellenza della cura per ciò che è debole. E di una ecologia integrale. Vissuta con gioia e autenticità- evidenzia il Pontefice-. E’ il santo patrono di tutti quelli che studiano e lavorano nel campo dell’ecologia. Amato anche da molti che non sono cristiani. Egli manifestò un’attenzione particolare verso la creazione di Dio. E verso i più poveri e abbandonati. Amava ed era amato per la sua gioia. La sua dedizione generosa. Il suo cuore universale. Era un mistico e un pellegrino che viveva con semplicità. E in una meravigliosa armonia con Dio. Con gli altri. Con la natura. E con se stesso“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.