Sos della Chiesa per il pericolo di 2 milioni di voti illegali in Kenya

I vescovi della nazione africana invitano a moderare i toni della campagna elettorale in vista del voto del 9 agosto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Kenya

In Kenya il presidente uscente, Uhuru Kenyatta, appoggia il principale candidato dell’opposizione, Raila Odinga. Che si contrappone al vicepresidente William Ruto. Odinga ha minacciato di boicottare il voto del 9 agosto se la commissione elettorale non disporrà del registro manuale degli elettori. Oltreché di quello elettronico. Secondo Odinga sarebbe in atto una manovre per truccare le elezioni in almeno 10 mila seggi elettorali. In modo da avvantaggiare Ruto. Che potrebbe guadagnare illegalmente 2 milioni di voti, riferisce l’agenzia vaticana missionaria Fides.Kenya

Allarme in Kenya

Preghiamo per loro. Affinché non continuino così. Perché tutti, a iniziare dai bambini, ascoltano i nostri leader scambiarsi insulti. In un momento in cui dovrebbero concentrarsi nella costruzione della pace” afferma monsignor Salesius Mugambi. Il vescovo di Maru si riferisce ai continui diverbi pubblici tra il presidente Uhuru Kenyatta e il suo vice William Ruto. Monsignor Mugambi ha letto una dichiarazione dei vescovi del Kenya. Rivolta alle due più alte cariche dello Stato. Per esercitare moderazione con l’avvicinarsi delle elezioni generali del 9 agosto. Monsignor Mugambi ha fatto appello al comitato di transizione. Perché sia assicurato un regolare passaggio di poteri dopo il voto. Il vescovo di Maru ha menzionato in particolare i lavoratori nei ministeri chiave. Come Sicurezza interna, Salute, Istruzione e Tesoro. Chiedendo loro di garantire l’erogazione dei servizi essenziali per la popolazione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.