Furti d’arte sacra. In Italia una depredazione senza fine

Riconsegnati a Modica dipinti del '700 spariti da una chiesa. Le tele di Giovan Battista Ragazzi erano in casa restauratore morto. In tutta Italia arte sacra nel mirino dei ladri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

In Italia i furti d’arte sacra sono una costante delle cronache. Meno frequenti sono i  ritrovamento di questi tesori di cultura e devozione popolare. Per esempio sono state ritrovate dai carabinieri importanti opere d’arte sacra che erano state sottratte dalla chiesa di Sant’Ilario vescovo a Rivergaro, in provincia di Piacenza. Un crocifisso, sei candelieri e due cornici, risalenti al Settecento. In tutta Italia questo tipo di indagini sono condotte con l’ausilio della Banca Dati dei beni culturali illecitamente sottratti. Si tratta della più grande banca dati di opere d’arte rubate esistente al mondo. Gestita dal Comando carabinieri tutela patrimonio culturale di Roma. Gli oggetti sacri, una volta rubati, vengono spesso portati all’estero. E finiscono persino in vendita alle aste di antiquariato. Un gravissimo danno per l’Italia. Depredata di parte del patrimonio artistico.Italia

Il caso Sicilia

Le preziose opere d’arte erano sparite negli anni ’70 dalla basilica della Madonna delle Grazie di Modica. In provincia di Ragusa. Le due tele ad olio risalivano alla fine del XVIII secolo. Erano state realizzate dal pittore Giovan Battista Ragazzi. Raffigurano San Pietro Nolasco, fondatore dei Mercedari. E la Beata Marianna. Le tele sono tornate nella chiesa grazie ai carabinieri che le hanno ritrovate.La sparizione dei due prestigiosi dipinti era stata accertata solamente a luglio. Attraverso la ricerca di una studiosa modicana, la professoressa Maria Terranova. Docente del locale liceo artistico.Sicilia

Denuncia

L’ammanco delle due tele era stato poi denunciato dal parroco. I carabinieri nelle loro indagini sono stati indirizzati nello studio romano di un pittore scomparso negli anni ’90. L’artista era stato impegnato nel restauro dei dipinti che si trovano tutt’oggi nella chiesa. Che avrebbe ricevuto le tele dall’allora parroco, anch’egli scomparso. I militari hanno così rintracciato la figlia dell’artista. Era ignara della presenza dei dipinti in casa del padre. La donna ha voluto subito restituirle al loro originario luogo di appartenenza. Il recupero dei due dipinti è stato organizzato insieme con il direttore dell’Ufficio Beni Culturali della diocesi di Noto, don Antonio Sparacino.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.