Cinque furti nel 2020: la persecuzione nei confronti di una chiesa romana

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:11

E’ diventata il bersaglio di alcuni malviventi che, non rispettando neanche il sacro, l’hanno saccheggiata e oltraggiata ben cinque volte nel 2020. Persone che non si sono fatte scrupoli nel compiere un reato e per di più all’interno di un luogo di culto.

I furti nella Parrocchia di Santa Maria della Misericordia ai Gordiani

Stiamo parlando della Chiesa di Santa Maria dei Gordiani, oramai nel mirino dei malviventi che al suo interno hanno colpito ben cinque volte da inizio anno. La notizia è stata diffusa da abitarearoma.it che racconta che l’ultimo episodio si è verificato nel primo weekend di agosto.

I sacerdoti che dormono nella canonica sono stati svegliati da alcuni rumori sospetti e hanno chiamato i Carabinieri. Si sono poi accorti che tre malintenzionati avevano scavalcato l’inferriata del cortile e, dopo aver rotto alcuni vetri e porte sono entrati nella Chiesa. Raggiunti gli uffici avrebbero messo tutto sottosopra e rubato delle offerte e dei dispositivi digitali.

I precedenti

Come riporta abitarearoma.it, altri quarto furti hanno preceduto quello avvenuto nella notte fra sabato 1 e domenica 2 agosto. I primi tre furti si sono verificati tra gennaio e maggio 2020 con danni economici molto rilevanti per la Parrocchia situata al Prenestino nel V Municipio. Poi uno scippo a una signora 80enne che stava entrando nella chiesa.

Rubare è un reato, sempre, non ci possono essere scusanti. Ma farlo all’interno di una chiesa, un luogo al servizio delle persone, specialmente di quelle più in difficoltà, diventa un atto spregevole. Chi ha commesso il furto all’interno di Santa Maria dei Gordiani, non ha inflitto un danno solo alla chiesa, ma a tutta la comunità parrocchiale. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.